Interni

Nonno ruba cioccolata al supermercato: “Non ho soldi, era per i miei nipotini”

La crisi economica che sta causata dalla pandemia da coronavirus pian piano si propaga, danneggiando ulteriormente quelle classi sociali fragili che già erano sofferenti prima del Covid. Tra questi ci sono i pensionati che oltre ad essere tra le categorie più a rischio difronte al virus, faticano sempre di più ad arrivare alla fine del mese. Così un nonno può anche non avere la possibilità economica i fare un regalino per far felici i propri nipotini. Come l’episodio che è accaduto di recente in un discount di Mirano (Venezia). Un anziano nonnino si è recato era recato a fare la spesa: la sua intenzione era comperare delle cioccolate da donare ai suoi nipotini, che doveva andare a prendere a scuola di lì a breve. Purtroppo non aveva i soldi per pagarle, per cui ha deciso di compiere un furto, pur sapendo che stava commettendo un illecito. Superate le casse l’anziano è uscito, ma è stato pizzicato dagli addetti della vigilanza che lo hanno fermato, facendogli vuotare le tasche.L’anziano nonno costernato, ha confessato che non aveva soldi, ma che voleva comunque portare un piccolo regalo ai suoi piccoli nipoti. Nel frattempo il personale della struttura aveva già chiamato i carabinieri della locale stazione. Giunti sul posto i Carabinieri davanti a quella scena, e soprattutto dopo aver ascoltato il racconto dell’anziano, hanno deciso di non procedere oltre. Soppesando il lato umano della vicenda e, considerando che i responsabili del supermercato non volevano presentare denuncia, i militari dell’Arma si sono limitati a richiamare l’anziano sulla gravità del gesto. Poi hanno voluto pagare di tasca propria i dolciumi destinati ai nipoti dell’uomo. Il nonnino ha quindi ringraziato tutti per la comprensione.La notizia, diventata virale in breve tempo, ha colpito soprattutto per la grande umanità mostrata nei confronti dell’anziano dal personale della struttura e dagli stessi carabinieri, che come sempre in questi frangenti non battono ciglio quando si tratta di aiutare le persone più sfortunate.
Ti potrebbe interessare anche: “Tacco sospeso”: il calzolaio che ripara le scarpe anche a chi non può pagare