Interni

Nudo in vasca con sigaro e whisky, il video del candidato leghista in Calabria

Tutto nudo nella vasca idromassaggio, il sigaro in bocca e la faccia convinta, un bel bicchiere di whisky che fa capolino di tanto in tanto. Sembra quasi, a guardarla così senza farsi troppe domande, la scena di un film di gangster, di quelli tanto cari a Martin Scorsese per intenderci. E invece è un video lanciato in rete da Alfio Baffa da Corigliano calabro, candidato al consiglio regionale in Calabria nelle liste della Lega di Matteo Salvini.

Nella clip Baffa manda un saluto ai suoi “amici del gruppo revenge porn”, senza specificare meglio (per fortuna) di che frequentazioni si tratti. Poi assicura di essere reduce dall’ultima manifestazione di Salvini andata in scena a Roma, a piazza San Giovanni. Scimmiottando un po’, negli atteggiamenti, quel Cetto La Qualunque inventato da Antonio Albanese del quale non a caso ha condiviso in passato sui social anche la massima “chiu pilu pi tutti”.
Una sequenza che ha fatto subito il giro dei social e che non è affatto piaciuta agli utenti, che hanno subito iniziato a chiedersi come abbia fatto la Lega ad accogliere tra le proprie fila e candidare un simile elemento. Lui, Baffa, in passato anche consigliere comunale con Forza Italia di Berlusconi, ha deciso di rispondere alle accuse alla sua maniera: “In merito al video che mi sta rendendo famoso mi chiedo: un bagno in vasca fa notizia perché i candidati delle altre liste non sono molto ‘puliti’? O forse è una questione di buon gusto? Perché in quel caso ci tengo a scusarmi: non si può bere del rhum in un bicchiere di plastica!”.

Baffa ha poi spiegato che il video era stato realizzato per degli amici e non doveva finire in rete: “Che un video mandato goliardicamente a qualche amico potesse finire sulle testate nazionali non me lo sarei mai aspettato, ma grazie a questo video avrò qualche vecchio amico in meno ma tanti nuovi amici in più che stanno esprimendo solidarietà per questo sciacallaggio. Chiedo scusa se qualcuno si fosse sentito offeso o non abbia gradito la mia vista in una vasca, per farmi perdonare durante la mia campagna elettorale distribuirò gratuitamente sigari a chi ne vorrà”.

Lega, boom di contenuti a pagamento per riportare d’attualità il “caso Bibbiano”