Giustizia

Willy, strazianti dichiarazioni al processo: “Un calcio di rigore”

Willy Monteiro Duarte “colpito alla testa come fosse un pallone”. Questa è solo una delle drammatiche dichiarazioni rilasciate da Vittorio Edoardo Tondinelli durante il processo per la morte del giovane di Colleferro, massacrato di botte dai fratelli Bianchi e dai loro amici nella notte tra il 5 e il 6 settembre del 2020. Tondinelli, insieme ad altri due membri del ‘branco’, Omar Sahbani e Daniele Cerquozzi, è stato ascoltato nelle vesti di testimone dalla Corte d’Assise del Tribunale di Frosinone.

Willy Monteiro Duarte

“Quando Willy era già stato colpito con un calcio, finito contro una macchina prima e a terra poi, Marco (Bianchi, ndr) mi ha fatto il gesto di risalire in auto. – queste le parole di Tondinelli – È stato a quel punto che ho visto Francesco Belleggia sferrare un calcio allo stesso ragazzo quando era ormai a terra. Lo ha colpito alla testa come fosse un pallone. Era come un calcio di rigore”.

Insieme, io, Marco che guidava, Gabriele, Omar e Michele, siamo rimontati in auto per tornare ad Artena. Al pub del fratello dei Bianchi, Alessandro. Solo Pincarelli non è venuto con noi. – prosegue nella sua testimonianza Tondinelli – Il nostro amico Omar era arrabbiatissimo. Continuava a ripetere che non serviva. Se la prendeva con Belleggia perché secondo lui si era comportato da coniglio. Inerme fino all’arrivo di Marco e Gabriele Bianchi, iniziando solo dopo a picchiare. Omar gli voleva tirare uno schiaffo, strillava anche a Marco e a Gabriele. In particolare rimproverava Belleggia di aver colpito con un calcio Willy quando era a terra ma lui negava, diceva ‘ma quale calcio?’”.

“Tornati al bar del fratello di Marco e Gabriele, dove erano rimaste le compagne dei miei amici, Marco ha parcheggiato il suo suv distante, quasi a volersi nascondere. Sapevamo che era successo qualcosa di grave. Io più di tutti perché ho visto”, conclude Tondinelli. “Quella doveva essere una serata molto tranquilla. Per colpa di Mario Pincarelli e Francesco Belleggia è successo un macello. – ricorda invece Sahbani – Urlavo a Marco e a Gabriele Bianchi che stavano prendendo le difese delle parti sbagliate. Ricordo che Marco colpì Willy con un calcio. Gabriele era dall’altra parte della siepe. Non lo ha nemmeno visto”.

Potrebbe interessarti anche: Omicidio Colleferro: la madre dei fratelli Bianchi insulta Willy