People

Pamela nonna già a 34 anni: “Una benedizione, lo consiglio a tutti”

Chi l’ha detto che per diventare nonni bisogna essere anche anziani? La storia che arriva dalla Sicilia e più precisamente da Marsala, nel Trapanese, testimonia proprio l’opposto: a soli 34 anni Pamela Gerardi è diventata nonna di un bel maschietto nato nell’ospedale locale. Una nascita accolta con gioia da nonna Pamela che ha spiegato: “Essere nonni non significa essere vecchi, significa essere stati benedetti con il regalo più bello che possa esistere”. La nascita del piccolo fa di lei la nonna più giovane di Marsala e una delle più giovani in Italia. Un traguardo raggiunto grazie al fatto che Pamela è diventata mamma molto giovane e a sua volta, la figlia, Michelle, giovanissima, ha dato alla luce il bimbo a soli 16 anni.

“Se diventare nonni fosse solo una questione di scelta – ha detto la neo nonna esternando la sua felicità sui social -, consiglierei a ognuno di voi di diventare nonna… Fino a qualche mese fa, certamente non pensavo di diventare nonna a 34 anni”, ha ammesso la donna postando su Facebook una sua foto all’intero del reparto Ginecologia dell’ospedale Paolo Borsellino di Marsala, con l’ultimo arrivato i famiglia in braccio.

Una scelta quella della gravidanza della figlia giovanissima inizialmente non condivisa da parte di Pamela, ma poi accettata e sostenuta fino all’ultimo. “A volte non capirò le tue scelte, A volte non saremo d’accordo ma non ci sarà mai e poi mai una sola volta in cui non sarò dalla tua parte… Sarò sempre con te, dalla tua parte, nella vittoria e nella sconfitta, perché ogni cosa che fai tu è un po’ come se la facessi anche io… perché tu sei una parte di me…”, è il messaggio lasciato alla figlia pochi giorni prima del nascita.

Infine nonna Pamela ha voluto fare un “ringraziamento speciale” al reparto Ginecologia dell’ospedale di Marsal, al dottor Ferreri, ostetriche ed infermieri, che sono fantastici”, per aver assistito nel migliore dei modi la figlia appena 16enne e il neonato un bel bimbo di oltre tre chilogrammi e seicento.

Ti potrebbe interessare anche: Adolescenti si riscoprono stiliste grazie alla dad: “Così battiamo la noia dei lockdown”