Esteri

Perde la moglie a causa del Covid perché contrari al vaccino: “Non fate il nostro errore, vaccinatevi”

Il Covid arriva e solo un anno dopo c’è già un vaccino. Non conosciamo gli effetti collaterali”. Sono le parole di Ysmael Vega che qualche mese fa rivolgeva all’emittente KTAR News, prima di vivere il dramma più grande: perdere sua moglie a causa del Covid-19. La coppia era sempre stata scettica in merito al vaccino, ma ora Ysmael, l’unico sopravvissuto dei due, vorrebbe che tutti si vaccinassero per evitare la stessa tragedia che ha vissuto la sua famiglia. Sua moglie Fernanda di soli 47 anni, è morta il 13 luglio scorso dopo aver contratto il Covid e aver sviluppato un coagulo di sangue nei polmoni. La coppia e il figlio adolescente hanno contratto il virus all’inizio del mese da una delle loro figlie, ma solo la signora Vega si è ammalata più gravemente. La sua situazione infatti era peggiorata rapidamente il 13 luglio, quando è stata ricoverata d’urgenza in ospedale. Il personale medico ha scoperto un coagulo di sangue in uno dei polmoni dell’ex operatore sanitario e ha spiegato ai familiari che non c’erano possibilità di salvarla. È morta entro un’ora”, ha detto il signor Vega alla stazione di notizie locale Fox 5. “Tutto quello che ho fatto è stato tenerle la mano, massaggiarle i capelli e dirle quanto mi mancava”, ha spiegato l’uomo. “Ma ho visto la pace nei suoi occhi. Non c’era più dolore. Il dolore era solo per il fatto che se n’era andata”. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo quanto riportato dal KTAR News, il dottor Michael White, di Valleywise Health, ha affermato che le persone ricoverate in ospedale a causa del virus sono “prevalentemente quelle che hanno scelto di non essere vaccinate per qualsiasi motivo”. I medici di Valleywise trattavano principalmente persone con sintomi moderati, ma le cose sono cambiate due settimane fa, ha detto White. Ora, i pazienti stanno arrivando in condizioni acute e non vaccinati. (Continua a leggere dopo la foto)

Prima della drammatica vicenda, tutta la famiglia, originaria dell’Arizona, si era rifiutata di sottoporsi al vaccino a causa delle preoccupazioni sugli effetti collaterali di un vaccino nato con tanta velocità. Adesso però Ysmail Vega, che si sta riprendendo da un attacco di polmonite, causato proprio dal coronavirus, ha affermato di aver completamente riconsiderato la sua posizione in merito i vaccini anti-covid, e incoraggiato chiunque altro si senta riluttante a fare lo stesso. “Ovviamente farò il vaccino, sì, anche se non ti coprirà al 100%”, ha detto a KTAR News. “Quello che ho vissuto, non voglio che nessun altro lo sperimenti. Ognuno fa le proprie scelte, ma il Covid è reale e quello che ho passato non voglio torni di nuovo… Consiglierei a tutti di fare il vaccino e io stesso lo farò” ha concluso l’uomo.

Ti potrebbe interessare anche: Membro Chiesa anti-vax Hillsong muore di Covid a 34 anni: “Ho 99 problemi ma il vaccino non c’è”