Interni

Pernigotti, dalla speranza alla rabbia: “Tante promesse dai politici, poi il nulla”

Una triste fine, quella della Pernigotti, con l’epilogo arrivato il 5 febbraio quando al tavolo di crisi dichiarato dalla proprietà turca dello storico marchio dolciario, è arrivato il via libera per la cassa integrazione straordinaria dopo la cessazione dell’attività. Una doccia fredda per i 100 operai rimasti nello stabilimento di Novi Ligure. “È stata una grande delusione, non possiamo nascondercelo” racconta a Libero Tiziano Crocco, segretario generale territoriale della Uila Uil, che ha seguito la crisi passo per passo.“Noi contavamo di salvare il lavoro delle persone assieme all’attività della Pemigotti che deve rimanere indissolubilmente legata a Novi Ligure, dov’è nata nel 1860… Il 5 febbraio il ministero del Lavoro ha dato il via libera alla cassa integrazione straordinaria. Ma la fabbrica chiude. Chiude per deindustrializzare l’area, secondo l’accordo, ma bisogna capirsi. Soprattutto capire cosa intende la proprietà turca che fa capo ai fratelli Toksoz per reindustrializzazione”.In corso ci sono trattative per la cessione dell’intera azienda, ma “di fatto non hanno riguardato il marchio. Per privarsene i turchi chiedono molti soldi. Tantissimi…”. Quello che si sta facendo, quindi, è lo “spezzatino”: “La proprietà ha nominato un advisor incaricato di trattare la vendita della divisione gelateria. Senza la gelateria e senza il marchio che rimane saldamente nel controllo della proprietà turca le prospettive sono negative. Ma non ci arrendiamo. I lavoratori non si rassegnano a vedere scomparire il loro lavoro e l’attività di un’azienda che ha 150 anni di storia”.E la legge Pernigotti annunciata dal vicepremier nonché ministro del Lavoro Luigi Di Maio? “Non ce n’è traccia. Certo, non potendo essere retroattiva non avrebbe inciso comunque sull’acquisizione della società da parte dei Toksoz, ma avrebbe aiutato. In verità si sono perse le tracce anche del ministro. Al vertice del 5 febbraio non si è presentato e neppure dopo siamo più riusciti a contattarlo”. La cassa integrazione, almeno, è arrivata. Ma “non per gli interinali. Quelli erano a casa già da ottobre. E non prendono un centesimo di ammortizzatori”.

Ufficiale, Pernigotti chiude: governo battuto. E Giggino che prometteva il salvataggio…