attrarre talenti italia

Poca capacità di attrarre talenti per l’Italia. Bene Bologna, Milano e Torino

766

Sale di posizione rispetto allo scorso anno, ma l’Italia continua ancora ad annaspare di fronte alla capacità di attrarre talenti delle altre economie europee.
Si colloca infatti solo al 40esimo posto, su 118 paesi, nella graduatoria che emerge dal report 2017 Global Competitiveness Talent Index (Gtci), stilato ogni anno  dal gigante delle risorse umane Adecco insieme alla business school francese Insead e allo Human capital leadership institute (Hcli) di Singapore.

attrarre talenti bolognaNonostante le 5 posizioni recuperate rispetto al 2016, sono ancora 30 i gradini che separano il la nostra penisola da paesi come Olanda e Danimarca. Va meglio per alcune città capoluogo di provincia come Bologna (26 esima posizione) , Milano (31esima) e Torino (35esima), che conquistano posizioni rispettabili nella graduatoria dei centri capaci di attrarre talenti internazionali, grazie anche a fattori di valutazione come qualità della vita e presenza di atenei.

Se il report rileva come fattori positivi per l’Italia formazione e una buona presenza di cluster industriali, a farla scivolare fino alle posizioni più basse della graduatoria sono il mercato del lavoro, la produttività, la tassazione, il dialogo tra governo e imprese (116esima pozione)  e possibilità di carriera per le donne (117esima su 118).

I fattori valutati per la capacità di attrarre talenti

Sei i fattori con cui la ricerca cerca di fornire una valutazione sull’attrattività sui professionisti internazionali:

  • enable
  • attract
  • grow
  • retain
  • vocational and technical skills
  • global knowledge skills

In cima alla classifica redatta da Gtci troviamo in prima posizione la Svizzera, seguita da  Singapore e Regno Unito. L’Italia, alla 40esima posizione, sconta risultati negativi nei due primi metri di giudizio: far fiorire e attrarre talenti.
Poca la capacità di convogliare “cervelli” esteri, come nel trasferimento tecnologico e soprattutto va male nelle opportunità di business per le donne (dove si posiziona in colloca in penultima posizione, prima della  Bosnia-Herzegovina).

A pesare sono anche il peso fiscale, l’espulsione di talenti e competenze effettive dei manager. In questo ultimo indicatore ci collochiamo alla 103esimo posto: una posizione che per i report è lo specchio di una concentrazione di poteri nelle mani di dirigenti favoriti non tanto da qualifiche o riconoscimenti conquistati sul campo, quanto da legami privati.

Le città italiane che attraggono talenti

Migliore la posizione italiana nella sotto classifica delle città. Qui a collocarsi fra le prime 50 sono Bologna, Milano e Torino. Luoghi che per il report si configurano come città allettanti per talenti in cerca di carriera, buoni stipendi e un ambiente stimolante e prolifico nel proprio settore.

Nonostante questo le tre città restano lontane dai risultati delle prime tre in graduatoria Copenhagen, Zurigo e Helsinki, che vantano grandi atenei,  una buona rete di imprese si affianca,  investimenti considerevoli in R&D, alta qualità della vita e dei redditi.

CONDIVIDI