Giustizia

Ponte Morandi, per Autostrade “rischio solo teorico”. E anche il Governo sapeva tutto

Ieri è esplosa come una bomba la notizia di un documento che avrebbe certificato il “rischio crollo” del Ponte Morandi già a partire dal 2014. Questo report incastrerebbe Autostrade, perché avrebbe ignorato il rischio e quindi evitato di far avvenire una tragedia annunciata. Oggi, a infittire la trama di questa vicenda, c’è una notizia che invece mette nei guai il ministero: anche il Mit sarebbe stato a conoscenza del “rischio crollo”. Questo documento non solo era transitato sulle scrivanie dei funzionari di Atlantia e Spea. Repubblica scrive che era noto anche al Ministero delle Infrastrutture. Nel 2015 era stato sottoposto al vaglio dei cda di Aspi e Atlantia, in concomitanza alla presentazione del progetto di retrofitting delle pile 9 (quella crollata) e 10.

“Ebbene, alle sedute del consiglio di amministrazione di Aspi partecipava (e partecipa ancora, per prassi) anche un rappresentante del Mit, che poi dovrebbe riferire allo stesso dicastero”, scrive Repubblica. Ieri, però, è arrivata subito la replica di Autostrade. In una nota, la società precisa: “La società non è in alcun modo disponibile ad accettare rischi operativi sulle infrastrutture. Di conseguenza, l’indirizzo del cda alle strutture operative è di presidiare e gestire sempre tale tipologia di rischio con il massimo rigore. Adottando ogni opportuna cautela preventiva”. Sui rischi operativi, nei quali rientrava il documento in questione, la società dichiara: “Il cda di Autostrade ha sempre espresso l’indirizzo di mantenere la propensione di rischio al livello più basso possibile”.

Nessuna smentita, dunque, relativamente all’esistenza del file. Semplicemente, Autostrade sostiene che il rischio fosse solo teorico. Insieme a quel documento, a marzo, i finanzieri hanno sequestrato anche altre relazioni tecniche a corredo del “catalogo del rischio”. In esse, scrive Repubblica, sono evidenti le preoccupazioni degli ingegneri. Che sottolineano che data l’impossibilità di monitorare stralli e cassoni del ponte Morandi. “L’opera non si riesce a tenere sotto controllo”. Sul documento incriminato, nel 2017, avvengono due cambiamenti importanti.

Si legge su Repubblica: “Il primo è che la responsabilità del ponte Morandi passa dalle Manutenzioni dirette da Michele Donferri Mitelli alla Direzione di tronco di Genova, guidata da Stefano Marigliani (oggi entrambi indagati). Il secondo è che nel catalogo del rischio non si parla più di “crollo” ma di “perdita di staticità”. Sia a Donferri Mitelli che a Marigliani, gli inquirenti hanno chiesto, in fase di interrogatori, perché ci fossero state queste due variazioni. Entrambi si sono avvalsi della facoltà di non rispondere”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Ponte Morandi, un report incastra Autostrade: “Sapeva del rischio crollo dal 2014”