Giustizia

Ponte Genova, salta revoca concessione ad Autostrade. Altra sconfitta per Toninullo

Ve li ricordate? Quando dicevano: “Leveremo la concessione a Autostrade”. Sì, loro, quelli della comunicazione social, e quel Toninelli da strapazzo. E poi il premier Conte, all’indomani del crollo del ponte Morandi: “Non possiamo attendere i tempi della giustizia penale: disporremo la revoca della concessione ad Autostrade per l’Italia”. Ma a dispetto dei proclami di quei giorni (Di Maio: “Chi non vuole revocare le concessioni deve passare sul mio cadavere. C’ è la volontà politica del governo»; Salvini: «La revoca delle concessioni è il minimo che ci si possa aspettare”), la realtà è che la procedura è impantanata. L’esecutivo ha scoperto di non avere le armi giuridiche.

Quello che qualificate fonti hanno spiegato a La Stampa è confermato da quanto accaduto l’altro ieri. Il ministero ha inviato un’ulteriore richiesta di delucidazioni all’azienda, in particolare sui sistemi di controllo usati prima del disastro. Si tratta in teoria d’un passo nell’ambito della “procedura di caducazione per gravi inadempienze” avviata a con una contestazione cui Autostrade aveva risposto a fine settembre.

Erano seguiti tre mesi di silenzio, nei quali il dicastero dei Trasporti ha raccolto pareri sia dentro (il capo di gabinetto Gino Scaccia e il capo dell’ ufficio legislativo Alfredo Storto sono due fini giuristi) sia fuori, sondando avvocati di fiducia. Danilo Toninelli e i suoi hanno realizzato che estromettere Aspi dalla gestione della rete è allo stato impossibile, in tutte le forme fin qui profilate dai grillini: da quella amministrativa a quella legislativa della nazionalizzazione.Un tentativo in tal senso era stato compiuto con un blitz nel decreto Genova, bloccato dal sottosegretario leghista Giancarlo Giorgetti per evitare uno stop dal Quirinale. Il termine concesso ad Autostrade per rispondere alla nuova lettera è lungo: quattro mesi, fino alle elezioni europee non se ne farà niente. È la dinamica di una stanca partita a tennis, con un agonico batti e ribatti che produce il nulla di fatto. “In effetti – confermano fonti della società vicine all’amministratore delegato Giovanni Castellucci – il nuovo intervento si è rivelato molto leggero”.

“Ci pronunceremo una volta raccolto con attenzione il materiale”. Sulla stessa lunghezza d’onda, ed è quasi paradossale, i più stretti collaboratori di Toninelli: “Per parlare di norme o procedura di revoca occorre ancora qualche passaggio propedeutico”. Senza dimenticare che nel recente incartamento indirizzato ad Aspi, il Mit chiede al concessionario privato “una propria valutazione circa le possibili cause del crollo”, sebbene una commissione ministeriale le avesse già scandagliate giungendo a conclusioni che forse vacillano un po’.

Il secondo tempo dello scontro fra governo e concessionario potrebbe insomma rivelarsi molto diverso dal primo, concluso con il gruppo fuori dalla ricostruzione su diktat di Luigi Di Maio. Sul punto Autostrade ha depositato il 14 dicembre al Tar Liguria un ricorso: l’azienda rimarca che contro di loro è stato cucito un provvedimento su misura, incostituzionale e in violazione di norme europee invalicabili. Se vincessero, il risarcimento risulterebbe assai oneroso per le casse pubbliche… I capolavori a 5 Stelle!

 

Ti potrebbe interessare anche: Attila Toninelli: ora tocca all’autostrada. Così il ministro ammazza un’altra grande opera