People

“Voglio riabbracciare la mamma!”. Bimbo di 5 anni scappa per rivederla dopo un mese

In questa emergenza coronavirus si parla sempre troppo poco del dramma dei bambini, costretti in casa e molto spesso lontani dai genitori. A soffrire di più sono soprattutto i figli degli operatori sanitari, i quali non possono stargli vicino per paura del contagio e, nella maggior parte dei casi, infermieri e medici che ne hanno possibilità, hanno deciso di lasciare i propri figli dai nonni o da altri parenti. Anche perché i turni sono così lunghi e estenuanti che diventa difficile gestire la famiglia in questa situazione. E così, da Pordenone, arriva una storia incredibile che racconta tutto questo. Sgridato dai nonni, un bimbo di 5 anni che non vedeva la mamma da più di un mese, è uscito di casa e ha fatto l’autostop per poterla riabbracciare.

La donna, infatti, è impegnata in prima linea nella lotta all’emergenza coronavirus. Protagonista della vicenda, fortunatamente a lieto fine, è un bambino di appena 5 anni di Pordenone. Secondo quanto riporta anche Il Messaggero Veneto, il piccolo aveva avuto una discussione coi nonni – pare per aver riempito di carta igienica il water – così, spazientito, sarebbe uscito di casa senza farsi notare da nessuno e ha chiesto un passaggio a un automobilista.

“Voglio riabbracciare la mamma, non la vedo da un mese”, ha detto all’uomo. La donna, che lavora in una struttura sanitaria di Trieste, lo aveva lasciato, appunto dai nonni a Pordenone, per evitare qualsiasi rischio di contagio ai propri familiari. A notare la presenza in strada del bambino – che aveva percorso poche decine di metri dal cancello della propria abitazione, mentre i nonni lo stavano cercando in casa -, anche una pattuglia della Guardia di Finanza.

E qui entrano in scena altri straordinari protagonisti di questa storia e di tutta questa pandemia: le forze dell’ordine. Sopraggiunti sul posto, i finanzieri hanno prontamente riaccompagnato il bimbo dai parenti. La vicenda è stata rilanciata da un tweet delle stesse Fiamme Gialle che ha riscosso molto successo.

 

Ti potrebbe interessare anche: I migranti di Parma donano 500 euro all’Italia: “Voi ci avete salvato la vita”