People

Il premio Nobel Malala Yousafzai si laurea ad Oxford: “Ho realizzato il mio sogno”

Malala Yousafzai ha solo 22 anni ma nonostante la sua giovane età, sta dimostrando a se stessa e al mondo intero che non bisogna mai perdere le speranze nella vita, anche quando tutto sembra perduto. Oltre ad essere un’attivista pachistana, Malala è diventata nota per essere il più giovane premio Nobel per la Pace della storia, ha ricevuto l’ambito riconoscimento nel 2014 quando aveva solo 17 anni. Oggi la ragazza ha raggiunto un altro importante traguardo: si è laureata a Oxford in filosofia, politica ed economia. “È difficile esprimere la mia gioia e gratitudine adesso che ho appena ottenuto il mio diploma di laurea in Filosofia, Politica ed Economia a Oxford. Non so cosa mi aspetta. Per adesso, Netlifx, lettura e dormite”, ha commentato su Twitter e Instagram Malala. Un successo accademico ottenuto dopo anni di studio e attivismo per il diritto all’istruzione in Pakistan. Malala aveva poco più di 11 anni quando ha aperto un blog per documentare il regime dei talebani pakistani, di cui è stata vittima in un attentato in cui ha rischiato la vita, proprio mentre tornava da scuola, nel 2012. A 16 anni ha pronunciato per la prima volta un discorso nel palazzo di vetro di New York delle Nazioni Unite.

Malala vive in Inghilterra da molti anni, dopo che nel 2012 i talebani in Pakistan le spararono in testa, a 14 anni, per il suo fervente attivismo in favore dell’istruzione femminile e aprire sempre di più le scuole a lei e alle altre bambine locali. La giovane attivista rischiò di morire ma si salvò miracolosamente e poi venne trasferita all’ospedale di Birmingham. Da allora, dopo un lungo recupero, si è pienamente ristabilita, per poi iscriversi all’università di Oxford, dove oggi si è laureata. “Congratulazioni!”, gli scrive, tra gli altri, il celebre scrittore inglese Philip Pullman, che vive proprio a Oxford.
Aver ottenuto il diploma di laurea, per chi come lei ha sempre creduto che lo studio e l’istruzione fossero i valori più importanti da difendere, nel suo caso pericolosamente minacciati da un terroristico, è la realizzazione di un sogno, e un segnale importante per milioni di ragazze nel mondo, che in lei ritrovano un simbolo. Una volta, la giovane pakistana dichiarò in un’intervista: “Non mi importa di dovermi sedere sul pavimento a scuola. Tutto ciò che voglio è l’istruzione. E non ho paura di nessuno”.

Ti potrebbe interessare anche: Diventa miliardaria a 82 anni: Yoshiko Shinohara, la prima donna self made del Giappone