People

Preti pedofili, arriva la svolta storica: cosa ha fatto Papa Francesco. Non era mai successo prima

Svolta storica. L’ennesima di papa Francesco. Bergoglio ha fatto – e ci ha fatto – un grande regalo di compleanno: ha abolito il segreto pontificio per le cause canoniche di abusi sessuali su minori. “Non sono coperti dal segreto pontificio le denunce, i processi e le decisioni”, si legge nell’Istruzione riportata oggi dal Corriere della Sera e diffusa nel giorno dell’83esimo compleanno del Papa. Nel testo si legge anche che “a chi effettua la segnalazione, alla persona che afferma di essere stata offesa e ai testimoni non può essere imposto alcun vincolo di silenzio riguardo ai fatti di causa”. Come spiega il giurista Giuseppe Dalla Torre, già presidente del Tribunale Vaticano, il provvedimento “riguarda sia le procedure che si svolgono in sede locale, sia quelle che hanno luogo a Roma, presso la Congregazione per la Dottrina della Fede”.

Resta il “segreto d’ufficio”, come in ogni ordinamento giuridico, ma l’Istruzione del Papa stabilisce che “il segreto d’ufficio non osta all’adempimento degli obblighi stabiliti in ogni luogo alle leggi statali, compresi gli eventuali obblighi di segnalazione, nonché all’esecuzione delle richieste esecutive delle autorità giudiziarie civili”. Questo significa che i magistrati civili degli altri Paesi potranno finalmente avere accesso agli atti dei processi canonici. La svolta segue quella decisa con il Motu Proprio Vos estis lux mundi, “Voi siete la luce del mondo”, firmato da Papa Francesco il 7 maggio contro i crimini pedofili e gli abusi sessuali.

Nel «Rescriptum» cui è allegato il testo, tra l’altro, si stabilisce che il reato di pedopornografia, ovvero “l’acquisizione o la detenzione o la divulgazione, a fine di libidine, di immagini pornografiche”, sussiste fino a quando i soggetti ripresi nelle immagini hanno 18 anni, e non solo 14 com’era finora. Anche in questo caso, il testo è la conseguenza dell’incontro planetario sulla protezione dei minori che si è riunito in Vaticano a febbraio. Con il Motu Proprio di dieci mesi fa, il Papa aveva previsto tra l’altro l’obbligo di aprire entro un anno sportelli pubblici in ogni diocesi del pianeta, per raccogliere le denunce di abusi sessuali, e l’obbligo per preti, religiosi e religiose di “segnalare tempestivamente” ogni crimine alle autorità ecclesiastiche.

Coperture e insabbiamenti venivano inoltre definiti come categoria specifica di crimine. Restava la questione del segreto pontificio. La denuncia era arrivata dal cardinale tedesco Reinhard Marx, uno dei consiglieri più stretti del Papa: “I dossier che avrebbero potuto documentare i terribili atti e indicare il nome dei responsabili sono stati distrutti o nemmeno creati. Invece dei colpevoli, a essere riprese sono state le vittime ed è stato imposto loro il silenzio. Le procedure e i procedimenti stabiliti per perseguire i reati sono stati deliberatamente disattesi, e anzi cancellati o scavalcati. I diritti delle vittime sono stati di fatto calpestati e lasciati all’arbitrio di singoli individui. Sono tutti eventi in netta contraddizione con ciò che la Chiesa dovrebbe rappresentare”.

 

Ti potrebbe interessare anche: “Aprite chiese e conventi ai migranti”. La nuova sfida dell’elemosiniere del papa