People

Il primo desiderio di un’anziana dopo 18 giorni di ricovero: “Vorrei rivedere il mare”

“Per favore portatemi al mare”: dopo 18 giorni di ricovero in ospedale, è stato questo il primo desiderio di un’anziana signora di Cava de’ Tirreni. La nonnina ha commosso i volontari della Croce Rossa che hanno deciso di accontentarla: “Non abbiamo mai smesso, nemmeno durante i primi mesi di lockdown, o la seconda ondata, di effettuare il servizio di accompagnamento per visite, dimissioni o ricoveri di pazienti – hanno scritto sui social i volontari nel messaggio pubblicato –. Anzi, con la Pandemia sono aumentati i servizi di taxi sanitario, ovvero gli accompagnamenti in auto o doblò con pedana e proprio perché non abbiamo mai smesso, ci troviamo sempre più carichi di servizi di questa tipologia, e solo in giornate più libere, come quella di oggi, possiamo permetterci il lusso di accontentare un piccolo desiderio, come quello di una simpatica nonnina, che dopo 18 giorni di ricovero ospedaliero, voleva prima di rientrare a casa, respirare un po’ di aria di mare”.“È stato bello poterla accontentare – hanno aggiunto ancora i volontari – anche se il tempo non era dei migliori: il sorriso della nostra paziente, è il più grande ringraziamento che un Volontario, possa ricevere. I nostri Volontari, infatti, lo ricordiamo, svolgono servizio in maniera del tutto gratuita e spontanea, senza alcuna diaria, rimborso, o gratificazione economica, e sono sempre a disposizione di chi lo necessita. E qualche volta, come stamane, per accontentare piccoli “capricci” che fanno bene all’anima”.“Non è la prima volta – concludono – né sarà l’ultima, che un paziente venga “accontentato”: la frase che spesso utilizziamo, appena ci avviciniamo ad un paziente che deve essere dimesso è “Volente andare a mare o a ballare?”… forse scatena l’ilarità dei più.. qualcuno non crede che sia possibile…ma molti pazienti accettano con gioia o ci ringraziano con un bel sorriso. E quando si svolge servizio con Amore, questo è il minimo che possiamo offrire”.
Ti potrebbe interessare anche: Senzatetto ghanese muore: volontario decide di aiutare a distanza il figlio rimasto in Africa