Social

Belen Rodriguez litiga con i paparazzi: costretta a chiamare la polizia

Belen Rodriguez chiama la polizia dopo un furioso litigio con i paparazzi. La notizia non è ancora confermata, ma è il sito Pipol Gossip, citato da Fanpage, a riportare per primo l’indiscrezione sulla sua pagina Instagram. Secondo quanto si apprende, la showgirl Argentina si trovava qualche ora fa all’aeroporto di Milano Linate insieme alla figlia Luna Marì. Ma è a questo punto che la Rodriguez si sarebbe infuriata con i paparazzi che tentavano di fotografarle.

Belen Rodriguez

Secondo quanto racconta Pipol Gossip, la prima a scatenare la bagarre sarebbe stata proprio Belen Rodriguez, evidentemente infastidita dalle troppe attenzioni riservatele dai fotografi. Lei avrebbe urlato di smetterla di fotografarla perché vietato in aeroporto. Ma i paparazzi non le avrebbero dato retta continuando a svolgere il proprio mestiere. L’intervento delle forze dell’ordine ha infine chiarito l’equivoco.

“Belen Rodriguez è partita poco fa da Milano Linate scatenando il panico in aeroporto. – si legge nel post Instagram di Pipol Gossip – Prima le assistenti di volo a cui si è rivolta, poi la stessa showgirl argentina ha iniziato ad alzare i toni della voce contro dei fotografi attirando così l’attenzione dei molti passeggeri presenti, dicendo: ‘Ragazzi non fatemi le foto oppure chiamo la polizia, in aeroporto non potete fotografarmi’”.

“A quel punto Belén, – prosegue il racconto del sito gossipparo – visibilmente innervosita, si è rivolta alla polizia che era a pochi metri dalla scena pronunciando queste parole: ‘È vero che non si possono fare le foto in aeroporto?’. Purtroppo per Belén, i poliziotti hanno dato ragione ai fotografi, che hanno così proseguito il loro lavoro mentre la showgirl argentina riprendeva il suo cammino senza replicare anche se stizzita”. Al momento la diretta interessata non ha confermato questa versione dei fatti. Si attende un suo post nelle prossime ore.

Potrebbe interessarti anche: I selfie pubblicitari di Belen, Fedez, Tatangelo e Co. denunciati all’Antitrust

Torna su