Interni

Renzi pigliatutto: “Chiunque può passare a Italia Viva da altri partiti”

Renzi pigliatutto, pronto ad accogliere tra le braccia del suo nuovo partito altre personalità in arrivo nei prossimi mesi. Fermo restando, a parole, la sua fedeltà totale al governo: “L’alleanza che ha dato vita al governo è ancora oggi un incredibile azzardo, ma sarebbe stato un azzardo maggiore se fossimo in campagna elettorale, dove quello sarebbe stato tra un mojito e una cubista a torso nudo” ha detto il senatore a Radio24.

“Io – ha affermato – ho fatto di tutto per mandare a casa Salvini”. Sul taglio dei parlamentari, che è stato calendarizzato il 7 ottobre, ha detto: “C’è un accordo per votare tutti a favore, un accordo di governo. Poi votare senza riforma in cui si superava il bicameralismo è un’occasione persa ma taccio e voto. Io sono per il maggioritario, così uno si sveglia la mattina e sa chi ha vinto le elezioni, come in Francia e in Usa”, ha ribadito il fondatore di Italia Viva.
“Non mettiamo paletti a chi vuole venire con noi, ma ci deve essere comunanza di vedute”, ha aggiunto, riferendosi ai nuovi ingressi nel suo gruppo, dove ieri è arrivata la senatrice Silvia Vono del M5s. “Per essere accolti – sottolinea – noi chiediamo che si sia d’accordo per mandare avanti il governo e per fare proposte e non polemiche”.“Non faremo i pierini, ma daremo una mano” al governo. “Non sentirà mezza parola mia contro Zingaretti, contro Di Maio, contro i colleghi della maggioranza ma avanzeremo delle idee” ha ribadito. Alla domanda sui paletti della neonata Italia Viva alla manovra e le ipotesi di un aumento selettivo dell’Iva, Renzi ha replicato: “Questo governo è nato per non aumentare l’Iva ed io penso che l’aumento sia da evitare in tutti i modi. Mi consola e mi conforta che il ministro dell’Economia Gualtieri, che è una persona seria, ha detto che l’ipotesi non è all’ordine del giorno. Anche un aumento selettivo è un aumento”.

M5S, Di Maio ammette: “Sì, c’è chi non è con me”. Poi rilancia: “Ma io ho preso l’80%”