People

Il rettore ai suoi studenti: “Finito tutto, ci ubriachiamo e pomiciamo sui prati”

In queste ore difficili per tutti, anche per studenti e insegnanti di ogni ordine e grado, sta impazzando sui social italiani il video messaggio del Rettore dell’Università degli studi di Perugia, Maurizio Oliviero, ripreso dal Corriere dell’Umbria, che ha interrotto una lezione (online) per rincuorare i suoi studenti durante la pandemia di Coronavirus. Il suo messaggio è un inno alla vita, alla speranza e al ritorno alla normalità: “Probabilmente gli studenti dovranno saltare una sessione d’esame. Vi chiedo comprensione, vi chiedo solidarietà, vi chiedo un aiuto. L’aiuto che può essere quello di sollecitare le cose che possiamo fare di più. Siamo a disposizione, vi vogliamo bene, siete la nostra risorsa più importante”. Inizia così il video dell’intervento, ma il pezzo forte viene più tardi.

Il Rettore, visibilmente commosso, ha detto di voler premiare gli studenti e i docenti tutti, organizzando un grande evento una volta che sarà finita la quarantena. “Quindi forza, vi voglio determinati, vi voglio ottimisti e vi voglio convinti che se siamo tutti insieme a combattere questa situazione, credetemi, ne usciremo presto – continua il Rettore.- Vi prometto che organizzerò una festa pazzesca, vi voglio tutti ubriachi, tutti a pomiciare sui prati, sarò lì anch’io. Mi ubriacherò anche io”.

E promette: “Saremo qui in rettorato, migliaia di persone, ci ubriacheremo e penseremo a questi momenti e diremo che ce l’abbiamo fatta. Siamo un grande paese, un grande popolo, una grande comunità”. Boom di like e condivisioni tra studenti e insegnanti, certi che il pensiero del Rettore sia quello condiviso dalla maggior parte del comparto scuola e università. Intanto “il numero di contagi giornalieri da Coronavirus non aumenta e questo è confortante, ma bisogna essere cauti perché i numeri restano alti e il trend va visto in un periodo di medio termine”, fa sapere Gianni Rezza dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss).

Ieri ha messo in guardia contro il facile ottimismo dopo i numeri della Protezione Civile che sembrano descrivere un rallentamento nella velocità di propagazione dell’epidemia. “Probabilmente in Lombardia qualche effetto le misure di distanziamento iniziano a darlo, come abbiamo visto a Codogno, ma è presto per dirlo. L’impatto delle misure lo potremo valutare a fine mese, non da un giorno all’altro”. Quindi, continuiamo a tenere duro e a rispettare le regolo. Poi tutti a Perugia a festeggiare con il Rettore.

 

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus, Salvini e il centrodestra mettono fine all’unità nazionale. Rivolta contro Conte