People

Ristorazione e strategie anti-crisi: sbarca in Italia la Dark kitchen

In seguito alle restrizioni volute dal recente Dpcm, il comparto ristorazione ne è uscito tra i più colpiti. Tuttavia, grazie al supporto della tecnologia e alle intuizioni, questo momento di incertezza può essere trasformato in opportunità. Così dopo Los Angeles e Berlino, nasce a Milano una consegna a domicilio da un ristorante che prima non c’era. Stiamo parlando della Dark Kitchen, ovvero cucine nascoste, un luogo di ristoro senza tavoli e sedie, privo di contatti con il pubblico, pensato esclusivamente per la consegna a domicilio. Praticamente una rivoluzione, in special modo in tempi di Covid visto che sembra il posto perfetto da “frequentare” durante la pandemia. Ad idearlo qui in Italia, due ex concorrenti di Masterchef, oggi coppia nella vita, Alida Gotta (secondo posto, quinta edizione) e Maurizio Rosazza Prin (secondo posto, seconda edizione). La loro Dark kitchen si chiama Delivery Valley e in meno di sei mesi ha già evaso diecimila ordini. “È il primo caso di ristorante che non si è dovuto convertire alla consegna a domicilio per sopravvivere – ha detto ironicamente Maurizio Rosazza Prin all’Huffington post -. Siamo un ristorante nato esclusivamente per il delivery”.

Grazie alla collaborazione con le principali piattaforme di delivery, è possibile assaggiare a Milano le creazioni di Alida e Maurizio e del loro nutrito staff. Cinque tipologie di ristoranti virtuali tra cui scegliere, per soddisfare tutti i tipi di palato e cinque marchi, riuniti sotto un’unica grande famiglia. “Abbiamo aperto a giugno ma siamo partiti due anni fa, prima del lockdown con l’idea di questa formula. Volevamo creare cibi sono perfetti per la consegna espressa. Il lockdown ci ha trovati pronti”. Come ha raccontato Prin, l’idea di creare il Delivery Valley è stata acquisita girando il Mondo: “E’ una formula che era usata a Berlino e Los Angeles, già cinque o sei anni fa, per servire il mercato del delivery che è sempre più in crescita. Si dice che nel 2026 un pasto su tre verrà servito in questo modo. Ci siamo inventati una Dark kitchen, una cucina nascosta, anche se la nostra, al momento è visibile su strada”.
In un panorama sociale ed economico così complesso come quello attuale, la start up di Delivery valley costituisce un vero e proprio faro per la rinascita. “Dopo il lockdown di marzo, abbiamo assunto a tempo indeterminato tre persone, che avevano perso il lavoro proprio a causa dell’emergenza sanitaria. Ci sembra un bel segnale in un momento come questo, ha affermato orgoglioso Prin.
Tra le prelibatezze che Delivery valley consegna direttamente a casa tua, ce né davvero per tutti i gusti. Si parte dalla pizza in padellino di Lievito Mother F****r, passando per l’esagerato hamburger di Giga Burger e il succulento pollo di Gira Girarrosto, fino ad arrivare a gustosissime costine di maiale in salsa barbecue targate Giga Ribs e Fritt Fighter, croccanti fritti misti di carne e pesce per soddisfare tutte le esigenze culinarie.
Ti potrebbe interessare anche: “Pasto gratis per chi ha bisogno”: la generosa iniziativa di un ristorante laziale