Tecnologia

Rivoluzione Ferrari: ecco la prima auto ibrida del Cavallino. 1000 cavalli di bellezza

Un piccolo passo verso la rivoluzione in Ferrari. La nuova SF90 Stradale è infatti la prima ibrida di serie (plug-in, ricaricabile anche con la spina) della storia del cavallino che arriverà sul mercato già dai primi mesi del prossimo anno. Nome che celebra i 90 anni della Scuderia Ferrari ma che segna anche l’inizio di una nuova era. “Andiamo oltre perché tutto cambia in fretta”, ha detto Louis Camilleri, amministratore delegato Ferrari, anticipando anche un anno di grandi novità con altre tre vetture in arrivo e “piani e visioni per i prossimi dieci, vent’anni”.

La SF90 Stradale è dunque “una Ferrari completamente nuova che non sostituisce nessun modello”, ha specificato Enrico Gallieri, responsabile commerciale vendite del marchio, “e che crea un nuovo segmento nel portafoglio dei nostri modelli, una top di gamma che abbiamo chiamato Range supercar”.

Al vertice, ovviamente, anche nel prezzo che dovrebbe aggirarsi intorno a 500 mila euro. Sono 1.000 i cavalli della supercar, ottenuti dalla somma dei 780 del motore V8 turbo (il più potente di sempre) e i 220 dei tre propulsori elettrici. Il tutto porta ad un’accelerazione di 2,5 secondi necessari per passare da 0 a 100 orari (velocità massima di 340 km/h). Quattro ruote motrici, condizione necessaria per sfruttare appieno l’enorme potenza messa a disposizione dai motori.

Una trazione integrale “unica”, in quanto permette di controllare la trazione di ogni ruota aumentando notevolmente l’agilità e l’entrata in curva. “In pratica”, dice Michael Leiters, capo dello sviluppo tecnologico, “è come se togliessimo 200 chili dalla vettura”. Sono invece 25 i chilometri di autonomia in modalità completamente elettrica della SF90 Stradale.

Ma le novità non finiscono qui. C’è anche un cambio completamente nuovo a doppio disco con otto rapporti, grazie al quale è stata ridotta la velocità di passaggio da un rapporto all’altro del 13 per cento. Il volante assomiglia tantissimo a quello di una F1 ma completamente rinnovato con i comandi completamente touch (a parte il manettino) che controllano l’80 per cento delle funzioni della SF90. Ed è proprio questo il motivo che ci permette di tenere le mani sempre sul volante ma anche gli occhi sulla strada in quanto il nuovo sistema di navigazione satellitare proietta ogni genere di informazioni sul display frontale.

Ma questa nuova Ferrari apre un capitolo tutto da scoprire anche sul fronte del design. Frutto di un lavoro di oltre tre anni del centro Stile di Maranello guidato da Flavio Manzoni: “Come sempre pensiamo che la forma dovrebbe visivamente materializzare la vera essenza del prodotto”, ha detto il designer, “per questo abbiamo realizzato un’architettura radicale, una sorta di navicella spaziale”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Full Self-Driving, il nuovo sistema a guida autonoma di Tesla su tutta la gamma entro il 2019. L’Annuncio di Elon Musk