People

Roma, investito il senatore del Pd Matteo Richetti

Il senatore del Pd Matteo Richetti è stato investito in via del Tritone, a Roma. Momenti di grande paura e poi gli immediati soccorsi. Richetti è stato portato al Policlinico Umberto I. A darne notizia nell’aula di palazzo Madama è stata la vicepresidente del Senato Paola Taverna. “Abbiamo avuto notizia di un incidente avuto dal senatore Matteo Richetti questa mattina, attualmente è ricoverato al policlinico Umberto I di Roma”.

“La presidenza anche a nome di tutta l’Assemblea gli augura una pronta guarigione”. A quanto si apprende da fonti dem il parlamentare avrebbe sbattuto la testa ma le sue condizioni non sarebbero gravi.

A confermare il non preoccupante stato di salute ci pensa Richetti stesso che su Twitter scrive (o fa scrivere): “È stato un brutto incidente ma per fortuna senza alcuna conseguenza seria. Grazie per tutto l’affetto, la vicinanza e la vostra preoccupazione. In osservazione per un po’ ma solo per precauzione, così saremo ancora più in forma al nostro #Harambee di domenica a Milano”.

Ai medici ha detto di sentirsi bene e di aver riportato solo un forte trauma su un fianco. E’ stato travolto da un furgone di Ncc il cui conducente, 40 anni, è stato condotto dai vigili al Fatebenefratelli-Isola Tiberina per essere sottoposto ai test di verifica per alcol e droga.

I parlamentari del Partito Democratico Maurizio Martina e Marianna Madia sono andati subito a fargli visita. Matteo Richetti è impegnato anche con la sua associazione Harambee e per domenica prossima ha in programma, a Milano, un appuntamento al teatro Parenti.

“In swahili, la lingua nazionale del Kenya – ha affermato lo stesso Matteo Richetti – non ha propriamente un significato. Sta più per un’incitazione che potremmo tradurre con ‘oh-issa’. Si tratta della metafora del lavorare insieme, quello che il Partito Democratico dovrebbe fare per evitare l’estinzione”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Giallo a Palazzo Chigi: qualcuno ha rimosso la foto di Renzi dal muro dei premier