People

Rosanna si laurea a 72 anni: “Ho perso una figlia di 14 anni, mi sono iscritta per lei”

L’università La Sapienza di Roma ha consegnato gli allori a una studentessa molto particolare. Stiamo parlando della senior laureanda Rosanna Brescia, che dopo aver passato una vita a fare l’insegnante alle elementari, a 72 anni è diventata dottoressa in Scienze Storiche. Il suo percorso ha dimostrato che non è mai troppo tardi per imparare, e soprattutto per realizzare i propri desideri. “È stato emozionante, non pensavo di farcela ma mi hanno aiutato le persone vicine. Nella vita non siamo mai soli”, ha commentato Rosanna dopo la proclamazione. La scelta di rimettersi sui libri in età avanzata è stata dettata non solo dal desiderio di conoscenza, ma anche per onorare una persona scomparsa a lei molto cara. “La mia sete di conoscenza è stato l’input che mi ha spinto ad iscrivermi, ma soprattutto mi sono iscritta perché ho perso una figlia di 14 anni e questo percorso è come se lo avesse fatto lei, è come se oggi al posto mio ci fosse lei a cui dedico tutti i miei sforzi e i miei sacrifici”, ha aggiunto la donna.

Sforzi che l’hanno vista scrivere la tesi sul monachesimo femminile rigorosamente a mano mentre accudiva l’anziana madre di 96 anni. “Ho fatto l’amanuense, come quelli che ho studiato a Paleografia Cristiana, mentre intimavo a mia madre e alla badante di fare silenzio per non perdere la concentrazione”, ha detto ironica Rosanna.

E poi un messaggio ai meno anziani di lei: “Ai giovani voglio dire di studiare perché chi studia si eleva dalla mediocrità, e ricordate che non è mai troppo tardi per poter apprendere cose nuove”. Ad accompagnare la neolaureata in scienze medievali è stato il marito Pino Di Terlizzi, ed alcuni amici di famiglia della donna. “E ora? Una piccola festicciola a casa. So che l’università mi mancherà e chissà che adesso non decida di andare ancora avanti”, ha concluso la dottoressa.

Ti potrebbe interessare anche: Fertilità, la scelta di Francesca: “Ecco perché a 30 anni ho congelato i miei ovociti”