Interni

Salvini: “Discoteche? L’unico pericolo sul fronte Covid sono i migranti”

Matteo Salvini ha una sua personalissima idea dell’emergenza sanitaria e, nonostante le critiche, non perde occasione di ribadirla. Durante una conferenza stampa convocata a Forte dei Marmi in Toscana, Regione tra le sei chiamate al voto nel mese di settembre per eleggere un nuovo governatore, il leader della Lega ha spiegato che i problemi legati al Covid-19 non sono, a suo dire, frutto degli assembramenti senza controllo nelle discoteche ma legati esclusivamente ai migranti in arrivo da altri Paesi.

“L’unico problema legato al virus non sono i ragazzi che ballano ma quelli che sbarcano” ha affermato il leader della Lega. Un tema ricorrente nel corso dell’incontro con la stampa, con i migranti sempre messi in contrapposizione, nella narrativa della Lega, agli italiani: “Io spero che gli italiani spazzino via presto questo governo e come Lega ci stiamo lavorando, perché a proposito di immigrazione l’unica vera emergenza legata al virus è legata agli sbarchi”.
“I focolai sono legati all’immigrazione” ha poi aggiunto Salvini. Un dato che, in realtà, è stato smentito dai tanti focolai che si sono registrati in tutta Italia negli ultimi giorni, sia a causa della presenza di alcuni contagiati nelle discoteche, sia per i tanti casi di persone tornate con il virus dalle vacanze all’estero.Salvini ha continuato il suo attacco contro il governo sul tema dell’immigrazione: “L’anno scorso avevamo limitato a 4 mila gli sbarchi, quest’anno siamo già a quota 15 mila. C’è un atteggiamento complice, criminale. Quindi, se Dio non voglia dovessimo tornare ad avere problemi di sanità, non è per gli italiani che stanno dimostrando buon senso, attenzione, rispetto, generosità ma è chiaro che se metti la mascherina in treno, in autobus, in negozio agli italiani ma intanto fai sbarcare migliaia di persone senza nessun controllo, che poi vanno in giro a infettare mezza Itala, il problema te lo vai a cercare”.

“L’unica emergenza sanitaria arriva dal mare – ha concluso Salvini – Però non è possibile che ci sia qualcuno per cui il nemico pubblico è il ragazzo che va in spiaggia, il ragazzo che va a fare l’aperitivo, il ragazzo che va in discoteca, il ragazzo che va al ristorante. Il problema sono gli sbarchi”.

Ponte Morandi, una tragedia che dopo due anni chiede ancora giustizia