Europa

L’assurda guerra gialloverde: dagli attacchi alle retromarce, Conte e Salvini oggi vedono così l’Europa

Prove di forza, passi indietro, tensioni, possibili rotture. Tra il governo gialloverde e l’Europa non è ancora finita la lunga, lunghissima sfida sulla manovra. Quella che ha visto Di Maio e Salvini prima dire di non voler cedere e ora ammettere di non “volersi fissare sui decimali”. Il tutto mentre Conte si erge ora a mediatore con Bruxelles. Un racconto lunghissimo. Iniziato a settembre con i grillini a reclamare un “def coraggioso”, mentre Tria predicava calma temendo per i conti pubblici.

L’inizio ufficiale delle schermaglie è però datato 27 settembre, quando il governo annunciava ufficialmente di aver trovato l’intesa sul def al 2,4%. Sfida lanciata, tra le esultanze gialloverdi. Savona, il responsabile degli Affari Europei voluto da Salvini, parlava di “sfida lanciata”. Lo spread, intanto, iniziava a impennarsi toccando in pochi giorni quota 267, poi 282, infine sfondando il muro dei 300. La Lega iniziava il suo personale battibecco con i vertici Ue, da Juncker a Moscovici. Di retromarce, però, nessuno voleva saperne.

Poi la seconda fase. Iniziata a ottobre, con la Commissione a mostrare i muscoli parlando di scelte italiane “senza precedenti” e di “nessuna comprensione verso l’Italia”. Draghi, a sua volta, si schierava contro le politiche gialloverdi. La procedura di infrazione, arrivato novembre, iniziava a stagliarsi sullo sfondo, mentre lo spread si manteneva puntualmente sopra i livelli di guardia. Fitch abbassa le stime di crescita dell’Italia. E alla fine, iniziavano i pentimenti.A incarnarla, innanzitutto, proprio quel Savona inizialmente simbolo della lotta all’Ue e poi di colpo passato a parlare di “rischio recessione” chiedendo una soluzione. Oggi toni distesi, parole calme e riflessive. Cinque Stelle e Lega parlano di moderazione. In attesa di elezioni europee che potrebbero cambiare le carte in tavola e favorire i gialloverdi, di colpo non più troppo antieuropeisti.

“Voi siete matti!”. Nuova tassa auto: la Panda può costare fino a 1000 euro in più