Interni

Salvini, imbarazzo social: attacca il calciatore Suso ma finisce sbeffeggiato

Dura la vita del leader politico in tempi social. Chiedere, tanto per farsi un’idea della situazione, a quel Matteo Salvini che continua a infilarsi in una polemica dopo l’altra, con la macchina della sua propaganda virtuale che inizia a segnalare qualche pericoloso segnale di malfunzionamento. Cose che capitano, si dirà. Fatto sta che il leader del Carroccio, dopo aver lanciato i suoi gatti mangia-sardine per tentare di contrastare l’effetto dirompente delle manifestazioni di Modena e Bologna, si è trovato invischiato in una querelle a sfondo calcistico alquanto imbarazzante.

Tifosissimo del Milan da sempre, Salvini già in passato si era beccato sonori rimbrotti da calciatori e allenatori che non avevano gradito le sue critiche pubbliche. Stavolta nel mirino dell’ex ministro è finito l’attaccante Suso, spagnolo che ha da poco compiuto 26 anni e che al momento non sta vivendo una stagione particolarmente esaltante, anzi. E così Salvini, nel fargli gli auguri, non ha risparmiato una bella punzecchiatura all’atleta: “Auguri! Nella speranza che Babbo Natale ti porti un po’ di velocità, di grinta e di voglia di giocare”.
Ancora una volta, però, il diretto interessato non ha apprezzato molto le parole del tifoso vip. Come in passato Gattuso aveva invitato Salvini a pensare a governare meglio il Paese (erano i tempi dell’esecutivo gialloverde) piuttosto che impicciarsi degli affari della squadra rossonera, così anche Suso ha deciso di rendere pan per focaccia, indirizzando sempre a mezzo social una risposta altrettanto caustica al leghista.
“Grazie. Nella speranza che Babbo Natale ti porti un po’ di velocità, di grinta e di voglia di amministrare meglio, molto meglio un Paese che amo” ha infatti scritto l’attaccante, senza troppi giri di parola. E per una volta, nonostante le critiche per le prestazioni in campo non all’altezza, la maggior parte dei tifosi si è schierata dalla sua parte.

La Bestia trema: la propaganda di Salvini spaventata dalle sardine