Video

Se questo è un ministro: Salvini al mare fa il dj e le cubiste ballano l’inno d’Italia

Abbiamo un ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che si improvvisa dj al Papeete Beach, con le cubiste che hanno ballato sulle note dell’Inno di Mameli. Non si era mai vista una cosa del genere, e ci auguriamo di non doverla vedere ancora. Il filmato ripreso dal giornalista Carmelo Lopapa durante la festa della Lega Romagna svoltasi a Milano Marittima ha subito fatto il giro dei social e, ahinoi, del mondo.

Nelle immagini girate dall’inviato del quotidiano La Repubblica si vede infatti il Ministro dell’Interno Matteo Salvini inventarsi dj al Papeete Beach, il celebre stabilimento balneare salito agli onori delle cronache per essere diventato il quartier generale estivo del leader della Lega.

Ad incorniciare il tutto ci hanno infine pensato le cubiste presenti alla festa, che a un certo punto hanno iniziato a ballare sulle note dell’Inno di Mameli. Nel video girato dal giornalista Carmelo Lopapa si può vedere Salvini alloggiare dietro la consolle del Papeete affiancato dal proprietario Massimo Casanova. Alle scorse elezioni europee, Casanova è stato peraltro eletto europarlamentare proprio con la Lega nella circoscrizione Sud.

Il culmine del filmato è giunto però quando hanno iniziato a risuonare le note dell’Inno di Mameli, accompagnate dal ballo scatenato delle cubiste e dai cori del pubblico li presente, in questo caso conditi da qualche saluto romano tra le prime file.

I toni solenni si sono in seguito subito smorzati quando dalla consolle hanno fatto partire Seven Nation Army dei The White Stripes. Uno spettacolo che è stato subito oggetto di critiche sui social network. Molti utenti non hanno infatti apprezzato l’utilizzo frivolo dell’inno nazionale fatto al Papeete Beach e, per di più, con un ministro a fare da mattatore dell’iniziativa.

Tra questi anche il deputato del Partito Democratico Gianluca Benamati, che su Twitter scrive: “Mi dispiace per il Ministro Salvini ma non è così che si onora e si rispetta la Costituzione della Repubblica ( art. 54) che prevede disciplina ed onore nell’adempimento di funzioni pubbliche. Voltiamo pagina”. Difficile non essere d’accordo con lui.

 

Ti potrebbe interessare anche: Parte l’appello contro Salvini per una destra non truce