Interni

Quirinale, Salvini gela Berlusconi: “Pronta una proposta della Lega”

Sembrava fatta per la candidatura ufficiale di Silvio Berlusconi da parte del centrodestra. Ma ora, a pochi giorni dall’inizio delle votazioni per il nuovo presidente della Repubblica, le cose sembrano complicarsi per il Cavaliere. A mettergli i bastoni tra le ruote è proprio l’alleato Matteo Salvini. Il leader della Lega invita il fondatore di Forza Italia a chiarire entro domenica se è convinto di avere i numeri per essere eletto. Altrimenti ci penserà il Carroccio a proporre un nome alternativo.

Silvio Berlusconi (L), Leader of Italian right-wing party Forza Italia (Go Italy) and Northern League leader Matteo Salvini embrace upon their arrival at the Tempio di Adriano in Rome on March 1, 2018. Silvio Berlusconi’s rightwing coalition, which is on course to win the most votes in Italy’s election, is holding its first and last public meeting on March 1, in an attempt to quell speculation of severe internal divisions. Berlusconi, the flamboyant 81-year-old former prime minister and head of the centre-right Forza Italia (Go Italy), and the leaders of far-right parties the League and Brothers of Italy (FdI), Matteo Salvini and Giorgia Meloni, have not once met publicly in the entire election campaign. / AFP PHOTO / Alberto PIZZOLI

Insomma, Salvini avverte Berlusconi che, se non ha in tasca i 505 voti necessari per farsi eleggere capo dello Stato alla quarta votazione, bisogna assolutamente pensare ad un piano B. In caso il Cavaliere non avesse i numeri, “la Lega, come forza responsabile e di governo, farà una proposta che potrà essere convincente per tanti se non per tutti”, mette in chiaro l’ex ministro dell’Interno.

Parole, quelle pronunciate da Salvini, “in linea con gli impegni presi e l’accordo raggiunto alla riunione dei leader del centrodestra di venerdì scorso”, cercano di minimizzare da Forza Italia la portata delle dichiarazioni dell’alleato. “Non c’è dubbio che il profilo del presidente Silvio Berlusconi sia quello più autorevole – osservano i forzisti – Ogni tentativo di creare polemiche o contrapposizioni fittizie, utili sono agli avversari politici, sarà dunque respinto”.

Anche dalla Lega però cercano di gettare acqua sul fuoco. “Respingiamo le letture malevoli. Salvini ha ribadito quanto sta sostenendo da settimane ed è in linea con quello che è stato deciso dopo l’ultimo vertice di centrodestra a Villa Grande”, assicurano dalle parti di via Bellerio. “L’uscita di Salvini è un modo per riprendere la guida del centrodestra, che invece dovrebbe avere Berlusconi, se, una volta tramontata la sua candidatura facesse lui un nome. – commenta invece Vittorio Sgarbi – Gli ho consigliato di fare lui una mossa, magari può essere lui a far uscire di colpo Draghi, o anche Mattarella. Ma dalla nota si capisce che Silvio è ancora determinato a voler essere lui il candidato”.

Potrebbe interessarti anche: Quirinale, Salvini in campo per Berlusconi: “Nessuno può dirgli ‘no, tu no’”

Torna su