Interni

Salvini non ne azzecca più una: sbaglia anche l’indirizzo del Ponte di Genova

Non è davvero un periodo facile, questo, per Matteo Salvini. Costretto a rincorrere da un lato un premier, Conte, in costante ascesa negli indici di gradimento tra gli elettori italiani e dall’altra un alleato, Giorgia Meloni, che continua a covare nell’ombra tutta la propria voglia di sorpasso, pronta a strappargli lo scettro di leader della coalizione di centrodestra. Un bel pasticcio, non c’è che dire. In mezzo al quale il Capitano rischia di perdere la bussola, come dimostrano le gaffe in sequenza che continua a regalare.

Dopo le polemiche per la scena, non molto elegante, in cui Salvini mangiava avidamente ciliegie accanto a Zaia che parlava di morti e ricostruzione, ecco che il leader della Lega è stato capace anche di sbagliare l’indirizzo del Ponte Morandi, identificandolo a Bolzaneto al momento di annunciare il suo tour della Liguria. Le testate locali, ovviamente, si sono affrettate a fare chiarezza e correggere l’errore, nel frattempo diventato virale sui social come tutti gli scivoloni del Capitano.
In uno dei manifesti lanciati in rete dall’ex ministro dell’Interno e dal suo staff, ecco infatti spuntare un invito a partecipare all’evento organizzato da Salvini in visita al cantiere per il ponte che sostituirà il Morandi, drammaticamente crollato il 14 agosto del 2018. Nel testo si legge però che Salvini si sarebbe recato nel sito “a Bolzaneto”, quartiere che però in realtà non è per niente vicino alla zona di Valpolcevera dove si lavora per la costruzione della nuova struttura. Uno svarione che gli utenti genovesi hanno subito condiviso e sottolineato, invitando Salvini a fare più attenzione e non indurre in errore i suoi sostenitori. Il rischio, d’altronde, era quello di trovarsi quasi dalla parte opposta della città. Insomma, per il Capitano è davvero un periodaccio. In attesa di tempi migliori, meglio tirare un po’ il freno ed evitare di esagerare con gli svarioni.

La Meloni come Salvini: fugge dal Parlamento per correre dalla D’Urso