People

Horror Salvini a Pontida: chiude comizio con in braccio bimba di Bibbiano. “Sciacallo!”

Salvini ci stupisce ogni giorno di più. La sua grettezza, sciacallaggine e miseria sembra non avere limiti. L’ultimo atto è andato in scena a Pontida, dove il leader della Lega ha sfruttato una bambina, portandola con sé sul palco, per fare campagna elettorale. Si tratta di Greta, una delle bambine dell’inchiesta sugli affidi illeciti di Bibbiano. “Greta è questa bellissima bambina con i capelli rossi che dopo un anno è stata restituita alla mamma” ha spiegato Salvini.

Greta è arrivata sul palco accompagnata dalla madre, tenendo in mano una striscione con l’hashtag #bambinistrappati. Questa azione, però, ha creato un enorme strascico di polemiche e accuse nei confronti di Salvini.

“Per fortuna non si dovevano mettere in mezzo i bambini…”. L’immagine di una bimba di Bibbiano sul palco di Pontida, accanto a Matteo Salvini, diventa argomento di discussione sui social e si trasforma in un assist per critiche anche feroci al leader della Lega. “Salvini oggi ha dato il meglio di sé, strumentalizzando il caso di Bibbiano. Ma…non a parole, bensì prendendo in braccio una bambina di quella località. Lo sciacallo leghista è sempre in prima linea”, scrive un utente su Twitter.

“Credevate di aver toccato il fondo? Illusi. Salvini espone sul palco di Pontida 2019 i corpi di una madre e una bambina, presunte vittime dei fatti di Bibbiano, per fini di bieca propaganda. Abbiamo raggiunto un degrado del costume e della politica mai visto da 75 anni a oggi”, fa eco un altro.

Altri ricordano dichiarazioni dell’ex ministro dell’Interno, quando “sermoneggiava”: “Mi vergogno a nome di chi coinvolge i bambini nella polemica politica, lasciate perdere i figli e i bambini”. “Meno male che non si dovevano strumentalizzare i bambini! Vero? E allora cosa ci faceva una bimba di Bibbiano sul palco?”, domandano in tanti.

Tra le prese di posizione, spicca quella di Carlo Calenda. “Che gente siete voi della Lega per usare bambini su un palco? Ma i cosiddetti moderati della Lega”, dice l’europarlamentare rivolgendosi a Massimo Garavaglia, Luca Zaia e Giancarlo Giorgetti, “non hanno nulla da dire su questo sconcio e sugli insulti a Gad Lerner. Tutti a testa china davanti a questo schifo? Siete senza onore”.

 

Ti potrebbe interessare anche: Un referendum al giorno… Le nuove promesse di Salvini alla piazza di Pontida