Interni

Salvini-Ruini, incontro segreto: la Lega cerca alleati nella Chiesa

Salvini cerca sponde nel mondo della Chiesa, dopo le tante polemiche che in passato lo avevano visto opposto a Papa Bergoglio. E lo fa dialogando con quel cardinal Camillo Ruini, prima segretario e poi per 16 anni presidente dei vescovi italiani, che nei giorni scorsi aveva lanciato segnali di apertura nei suoi confronti, dicendo di condividere l’avversione di certi ambienti cattolici nei confronti del leader della Lega e auspicando la nascita di un dialogo costruttivo tra le due parti.

I due, rivela La Repubblica, si sono incontrati in gran segreto. Un faccia a faccia chiesto e ottenuto proprio dall’ex ministro dell’Interno, che non ha perso occasione per cercare preziosi alleati in un momento delicato, che lo ha visto passare di colpo all’opposizione del governo giallorosso. Salvini completa così il suo percorso di riavvicinamento al mondo cattolico, che già nei mesi scorsi lo ha visto più e più volte ostentare in pubblico simboli religiosi. Un modo per cercare di uscire da quell’accerchiamento che, soprattutto per la distanza sul tema dei migranti, lo vedeva sempre lontano dal Vaticano.
In un momento così importante, con il sogno di un futuro esecutivo a fortissima trazione leghista che lo veda nel ruolo di premier, Salvini si è lasciato così consigliare dall’ex ministro Fontana, uno dei più accaniti sostenitori della necessità di un ponte tra la Lega e la Chiesa. Ci sarebbe lui, secondo gli ambienti leghisti, dietro la scelta del bacio del rosario, gesto che aveva portato al Capitano notevole consenso e che è stato ripetuto più e più volte, nonostante il puntuale codazzo di polemiche. Poco importa, i risultati elettorali danno al momento ragione ai fautori della svolta cattolica.favorire l’incontro tra Salvini e Ruini è stato invece probabilmente il vicesegretario leghista Giancarlo Giorgetti, uno degli esponenti del Carroccio meglio visti dal Vaticano. La sua fede sempre in sordina, mai urlata, è infatti particolarmente apprezzata nel mondo porporato. Sull’esito della conversazione tra i due resta il massimo riserbo. Ma di sicuro la Lega ora sente di avere un prezioso alleato nella sua personalissima battaglia.

M5S, scoppia il caso Trenta: “Si è tenuta la casa di quando era ministra”