People

La Lega crolla e Salvini e se la prende con Pagnoncelli: “Lui fa sondaggi per loro…”

Continuano le polemiche dopo la pubblicazione di sondaggi sempre più contrastanti su chi sia davvero il primo partito in Italia. Alcuni danno in testa la Lega, altri Fratelli d’Italia e altri ancora il Pd. Quando le battaglie elettorali entrano nel vivo – soprattutto in vista del voto nelle grandi città italiane – questa dinamiche è sempre più frequente. E Matteo Salvini, leader della Lega, ospite di “Stasera Italia” su Rete 4 viene stuzzicato su questo tema dalla conduttrice Barbara Palombelli: “Enrico Letta ha detto che è primo il Pd, poi è arrivato il sondaggio di Enrico Mentana che vede in testa la Lega. Salvini, lei che è il re dei sondaggi mi dice come stanno le cose?”. La risposta è subito al veleno. (Continua a leggere dopo la foto)

“No no che re dei sondaggi – risponde a tono Salvini -, io vivo nella realtà vera, non virtuale. I sondaggi come gli oroscopi sono degni di attenzione per chi ci crede. Fatti 10 i sondaggi di 10 case diverse, 9 sondaggi danno la Lega davanti e uno solo il Pd, fatto da quella casa, rispettabile, che lavora per il Pd”. Il riferimento è alla Ipsos di Nando Pagnoncelli, la cui ultima (sorprendente) rilevazione è stata pubblicata lunedì mattina dal Corriere della Sera, poche ore prima dunque del “ribaltone” del sondaggio Swg per il TgLa7 di Mentana. (Continua a leggere dopo la foto)

“Il mio sondaggio quotidiano – continua Salvini – ce l’ho uscendo e camminando tra le persone che qui a Roma mi dicono ‘Daje Matte’, vai avanti e non lasciargliela vinta a quelli della sinistra”. Si parla poi di questioni molto più serie e “calde”, quelle relative al vaccino contro il Coronavirus. “A oggi – dice il leader leghista – chi ha più di 80 anni è stato vaccinato nel 92% dei casi, chi ha più di 70 anni nell’86% mentre gli over 60 non ancora vaccinati sono 3 milioni. Ecco perché prima di procedere coi vaccini sui ragazzi e i bambini mi sembra saggio consigliare, mai obbligare, ai più fragili di mettersi in sicurezza”. (Continua a leggere dopo la foto)

Poi conclude Salvini: “La Germania per esempio sconsiglia il vaccino ai bimbi e ai ragazzini a meno che non abbiano altre patologie o abbiano in casa parenti fragili. Io mi sono iscritto sul portale di Regione Lombardia e mi vaccinerò a fine giugno, visto che non sono solito scavalcare la coda né all’Esselunga né in posta né tantomeno in ospedale”.

Ti potrebbe interessare anche: Gianni Rivera sempre più no-vax. E ora attacca: “In tv solo virologi del sistema”