Interni

Salvini: “Uccidere i cinghiali è nel loro stesso interesse”

Secondo Matteo Salvini “ammazzare i cinghiali è nell’interesse dei cinghiali stessi”. Il leader della Lega lo ha detto durante il presidio della Coldiretti davanti a Montecitorio per testimoniare la vicinanza della Lega a “gente che non sta in attesa di percepire il ‘reddito di cinghialanza’. Qui c’e’ gente che lavora e se uno semina ha lo stramaledetto diritto di raccogliere quello che ha seminato”.

Sul palco insieme a Matteo Salvini anche Gianmarco Centinaio, Gianpaolo Vallardi e tutti i parlamentari leghisti delle commissioni agricoltura. Per il leader della Lega la regola di comportamento è semplice: “Io adoro gli animali, ma se voglio tenermi in casa un animale scelgo il cane, il gatto o il pesce rosso. Io il cinghiale in camera da letto non ce lo voglio, e neppure nei campi di chi lavora”.

Secondo Salvini, la soluzione andrebbe lasciata agli agricoltori: “C’è una proposta di legge di un collega di cui non faccio il nome che prevedeva che le regioni assumessero del personale per fare quello che tutti voi siete in grado di fare domani mattina. La natura da che mondo è mondo prevede che si tutelino degli equilibri. Quindi io ringrazio agricoltori, allevatori, cacciatori e pescatori che garantiscono la tutela di questi equilibri. Altrimenti facciamo il danno dell’animale stesso. Perché se c’è una sovrapposizione, si fa il danno dello stesso animale, sia questo il lupo o il cinghiale o il cervo. Il mondo deve stare in equilibrio”.

“Vigiliamo anche in Europa perché nel nome dell’ideologia ambientalista – ha aggiunto Salvini – non si vada a penalizzare l’agricoltura italiana. Perché oggi quando qualcuno ti vuole fregare mette l’aggettivo ‘green’ e poi ti porta via dei soldi. Ammazzare i cinghiali è nell’interesse dei cinghiali stessi”.

Ti potrebbe interessare anche: Garante infanzia dell’Umbria: “Con il Ddl Zan anche sesso con cose o animali”