People

Scuola, più ombre che luci alla ripresa: mancano ancora troppi banchi e troppi prof

La strada è ancora lunga e in salita. Bene dare un segnale di ripartenza, ma siamo sinceri: la scuola è ancora in alto mare e c’è poco da cantar vittoria. Il primo giorno non è come lo hanno raccontato. La verità è un’altra. Mancano ancora troppi banchi e troppi insegnanti, e gli edifici aperti si contano sulle dita di una mano. Inoltre, la segnalazione di protezioni personali utilizzate dagli studenti in mancanza delle mascherine chirurgiche di Stato arrivano da tutta Italia, in particolare dal Lazio. I banchi, dice la Cgil, sono a quota 200.000 su 2,4 milioni. Non serve un matematico per capire che praticamente non ce li ha nessuno.

In Sicilia, per dire, ne sono arrivati appena cento. E in un’elementare di Genova, in assenza dell’appoggio, i bambini si sono messi in ginocchio a scrivere sulle sedie. La foto ha subito fatto il giro dei social creando una forte e durissima polemica. Ma l’altra grande questione di una ripartenza da incubo – come sottolinea anche Corrado Zunino su Repubblica – è la voragine di docenti mancanti. 250 mila cattedre di ruolo da sostituire con supplenti e le nomine fatte sono ancora poche.

“Le contestazioni dei precari – che manifestano con picchetti ai provveditorati – sulle Graduatorie offline (darebbero assunzioni a laureati e dottorati lasciando a casa precari con 6 o 8 anni di insegnamento) segnalano che con quasi due milioni di domande da trasformare in una classifica ci sono buchi da riempire a Torino, a Milano, a Treviso. A questi i dirigenti scolastici sono costretti a rispondere con gli orari ridotti, a volte ridottissimi (diversi hanno iniziato il lunedì 14 con tre ore di lezione)”.

In diversi istituti della provincia Monza-Brianza si sono contati sessanta docenti in meno rispetto alla pianta organica. Nella provincia di Milano la Flc Cgil conta, su indicazione dell’Ufficio scolastico provinciale, 13 mila supplenti ancora da recuperare. “Duemilasessantacinque sono solo sul sostegno. A Pisa, una mamma ha denunciato che il figlio di sei anni, con la sindrome di down, non è potuto andare a scuola perché mancava il docente di riferimento. E a Roma storia simile”. E ora la Azzolina sposta ancora più avanti la data dell’andare a regime: “Entro il 24 avremo tutti i supplenti in cattedra”.

La scuola italiana che riparte è quella senza banchi e senza insegnanti. Con lezioni fatte in chiesa o negli ex tribunali. “Alla ministra che presenta disegni di legge contro le classi pollaio – conclude Zunino – le scuole presentano il conto di aule con ventinove, trenta ragazzi. In tempi di Covid, sono semplicemente aumentati. E un sondaggio di Skuola.net ricorda: un istituto su dieci non è partito neppure nelle tredici regioni con il calendario fissato al 14 settembre”.

 

Ti potrebbe interessare anche: 19 milioni finiti a Cipro e alle Cayman. Fondi Lega, ecco la nuova pista dei Pm