Mass Media

Piazzapulita, Saviano: “Russia Stato mafioso, Putin modello per la destra italiana”

Roberto Saviano torna ospite nello studio di Piazzapulita e naturalmente non tradisce le attese. Lo scrittore napoletano riprende le parole di un giornalista britannico per definire la Russia uno “Stato mafioso”. Non poteva mancare nemmeno una frecciata contro la destra italiana rappresentata da Silvio Berlusconi e Matteo Salvini che, a suo giudizio, ha sempre preso come modello il presidente russo Vladimir Putin.

Roberto Saviano a Piazzapulita

“Un famoso giornalista del Guardian, Luke Harding, definisce la Russia uno Stato mafioso, perché ha regole mafiose.  – dichiara Saviano a Piazzapulita – Ti tocco i familiari, faccio qualcosa e non lo dico, anzi lo nego. Tutti sanno che c’è una firma su un omicidio, ma il potere ha il potere di arbitrio. Cioè io non prendo neanche la responsabilità del mio atto. Se metto Tommaso Buscetta sullo stesso piano degli ospiti che mi spiegano come funziona il mondo, allora il rischio è di fare propaganda”, aggiunge parlando degli ospiti russi nei talk show italiani.

“Il pacifismo non è arrendevole, ma serve coraggio per essere pacifisti. – prosegue Roberto Saviano – Io sono d’accordo sul sostenere l’Ucraina con le armi. Ma allo stesso tempo penso agli insegnamenti di Gandhi che da pacifista si metteva davanti ai proiettili. Zelensky ha fatto un percorso diverso rispetto a Giovanni Falcone e Anna Politkovskaja. Ma ha dimostrato coraggio perché restando a Kiev ha dato una svolta alla resistenza ucraina”.

“Da noi Putin era considerato un modello politico. – lo scrittore napoletano punta poi il dito contro la destra italiana – Penso a Salvini sulla piazza Rossa con la maglietta di Putin, a Berlusconi che mima il gesto del mitra a una giornalista russa che aveva appena fatto una domanda a Putin e lo stesso Berlusconi che lo definisce un dono di Dio. Anche Grillo ha detto che Putin era uno statista necessario all’equilibrio mondiale. C’è stato un calcolo di convenienza politico-economica”, conclude Saviano.

Potrebbe interessarti anche: Saviano a Piazzapulita: “Cacciari ha ragione su rischi della tecnocrazia”

Torna su