People

Sepúlveda, parla la moglie: “Falsa la notizia del coma. Sta migliorando lentamente”

“Mio marito Luis Sepúlveda non è in coma”. Carmen Yañez, moglie dello scrittore, è intervenuta personalmente con una nota, ripresa da Repubblica, dopo la notizia dell’aggravamento dello stato di salute del marito comparsa su alcuni organi d’informazione del Cile. “Si sta riprendendo lentamente, ma non è in pericolo di vita”, spiega la signora. Sepúlveda e la moglie la scorsa settimana avevano annunciato di essere risultati positivi al coronavirus in Spagna, dove vivono, al ritorno da un festival letterario al quale aveva partecipato in Portogallo. Il romanziere era stato ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Universitario di Oviedo, dove i Sepúlveda risiedono dal 1997.

La moglie di Luis Sepúlveda esclude che sia in coma, dunque, confutando la notizia data da diversi media spagnoli. Carmen Yáñez, anche lei positiva al coronavirus, ha aggiunto che Sepúlveda è in lento miglioramento e fa piccoli progressi di giorno in giorno. La moglie dello scrittore ha aggiunto che è sedato ma le sue condizioni sono stabili, in evoluzione positiva, negando categoricamente che si trovi in coma, seppur farmacologico. “Questo è assolutamente falso – ha detto la moglie di Sepúlveda – È stato sedato dai medici, mai in coma”.

Ha poi aggiunto che il marito ha già recuperato la capacità respiratoria in un polmone dopo le complicazioni della malattia, ed è “sulla buona strada” per recuperare l’altro. Infine, Yáñez ha sottolineato che i medici parlano di un lento recupero, che progredisce giorno dopo giorno. Alcuni media locali, però, insistono con il dire che la situazione sarebbe critica. Luis Sepúlveda, Lucio per gli amici, autore del celebre “Il vecchio che leggeva novelle d’amore”, pubblicato nel 1989, giornalista, scrittore di racconti e romanzi, direttore di cinema, è nato nel 1949 in Cile, a Ovalle, nella regione di Coquimbo, nel Nord del paese.

Nel corso della sua carriera, Sepúlveda è stato insignito di numerosi premi e onorificenze, soprattutto in Italia e Francia. Il ricovero di Sepúlveda nell’ospedale di Oviedo è stato il primo caso di Coronavirus nelle Asturie. Dodici giorni più tardi, i casi nel principato sono diventati trenta. In Spagna, distribuiti in tutte le Comunità Autonome, si registrano al momento oltre 2000 casi di contagio da Coronavirus e 47 vittime mortali. La presenza di focolai si concentra nell’area di Madrid e a Vitoria, nei Paesi Baschi.

 

Ti potrebbe interessare anche: Calzedonia: “Non vendiamo beni di prima necessità, chiudiamo i negozi per il bene di tutti”