People

Matteo Salvini conquista anche Serena Grandi: “È il mio capitano”

Più che una lista elettorale sembra una lista per entrare in discoteca il sabato sera. Dopo i proprietari del Papeete, nelle fila di Lucia Borgonzoni, per l’assalto alla Regione Emilia Romagna, si schiera anche Serena Grandi. “Sono convinta di poter dare una mano a Lucia – dice l’attrice, nata a Bologna nel 1958 con il cognome Faggioli -, non è la prima volta che mi schiero in politica, mi candidai già vent’anni fa con Alessandra Mussolini, dopo aver scritto il libro ‘L’amante del federale’. Borgonzoni mi convince, credo che le donne siano fortissime e d’ora in poi possiamo fare più degli uomini. Questo vale specialmente per le romagnole”.

Serena Grandi è nata a Bologna, ma ha una casa di famiglia a Rimini e spesso soggiorna nella città romagnola, dove fino a qualche tempo fa aveva anche un ristorante. Adesso questa avventura in politica la vede nella lista Borgonzoni presidente della circoscrizione di Bologna, insieme al figlio di Giacomo Bulgarelli, Stefano, al consigliere comunale Giulio Venturi e all’ingegnere dell’Anas Barbara Lodi. La lista sarà ultimata nelle prossime ore, ma la candidatura di Serena Grandi è a un passo dall’ufficialità e ne dà notizia oggi Repubblica.

“Ho conosciuto Matteo Salvini e mi è piaciuto, vorrei dei consigli da lui per la campagna elettorale – dice l’attrice, che ha all’attivo più di 40 film e ha lavorato con registi come Tinto Brass agli esordi -. Io concordo in pieno con le idee della Lega”. Anche lei punta molto sul tema della sicurezza, poi le piacerebbe anche occuparsi di cinema. “Penso che il sindaco di Rimini abbia reso la città bellissima – dice l’attrice, riferendosi ad Andrea Gnassi del Pd – ma non serve a niente, se poi la sera non puoi uscire dopo le 18 perché c’è il coprifuoco”.

Poi conclude le sue riflessioni: “Il problema della sicurezza c’è, è inutile negarlo. Mi dispiace solo che questa candidatura arrivi adesso, perché mia madre sarebbe stata felicissima di sapere che mi candido a Bologna”. La lista Borgonzoni presidente quindi si propone di “raccogliere le energie civiche”, mentre nella lista della Lega correranno personalità politiche del centrodestra come Ilaria Giorgetti, ex Forza Italia, e Michele Facci.

 

Ti potrebbe interessare anche: Sprofondo Lega: Salvini perde colpi e la Borgonzoni va in svantaggio in Emilia-Romagna