Interni

Trieste, Sgarbi se la prende con Draghi: “Vergogna di Stato”

Lo sgombero del porto di Trieste da parte delle forze dell’ordine divide la politica. Alle prime luci dell’alba di lunedì 18 ottobre, le forze dell’ordine si sono schierate in tenuta anti sommossa di fronte al Varco 4 del porto triestino, per poi procedere allo sgombero forzato dei lavoratori portuali e dei manifestanti presenti. Dopo momenti di tensione, uso di idranti e lacrimogeni, la manifestazione guidata dal portuale Stefano Puzzer si è trasferita in piazza Unità d’Italia. I No green pass sono però riusciti a strappare un incontro con il ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli, fissato per venerdì prossimo. Sulla vicenda interviene anche Vittorio Sgarbi lanciando gravi accuse a Mario Draghi.

Mario Draghi accusato da Vittorio Sgarbi per i fatti di Trieste

Come appena accennato, il mondo della politica non ha accolto allo stesso modo le notizia provenienti da Trieste. I leader di Lega e Fratelli d’Italia, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, si sono schierati immediatamente dalla parte dei manifestanti. Ma come, si chiedono polemicamente i due, il corteo di Forza Nuova a Roma è stato scortato fino alla sede della Cgil dalla polizia e invece i manifestanti pacifici di Trieste vengono manganellati? Opposta la visione dell’ex segretario Cgil Sergio Cofferati, secondo il quale quella vista a Trieste sarebbe “violenza di destra”.

Ma chi utilizza le parole più dure è probabilmente Vittorio Sgarbi. Il parlamentare pubblica un tweet al vetriolo. “Le cariche della polizia a Trieste con manganelli e idranti contro lavoratori e manifestanti pacifici sono una vergogna di Stato”, cinguetta Sgarbi.

Poi, poche ore dopo, ospite di Nicola Porro a Quarta Repubblica, arriva la stoccata contro il premier. “Tutto quello che vedi è vigilato da Draghi che ha un’idea egemonica del potere”, accusa. “Vi siete accorti che per andare a votare non era richiesto il green pass? Perché una persona per lavorare deve essere costretto al green pass? C’è una violazione di diritti delle persone contro la Costituzione”, aggiunge poi.

Potrebbe interessarti anche: Trieste, Cofferati alla Merlino: “Violenza di destra”