Interni

Frattini al Quirinale? Letta e Renzi dicono no, Crosetto lo difende

Nelle trattative per il Quirinale, quello di martedì 24 gennaio è sicuramente il giorno di Franco Frattini. L’esponente politico di Forza Italia è stato da pochi giorni eletto alla presidenza del Consiglio di Stato. Ma già si parla di lui come possibile successore di Sergio Mattarella. Il nome di Frattini sarebbe sicuramente gradito al leader della Lega Matteo Salvini, e anche al resto del centrodestra. Ma contro questa ipotesi si scatena il fuoco di fila di Pd e Italia Viva che lo considerano politicamente troppo filorusso. Proprio adesso che tra la Russia di Vladimir Putin e l’Ucraina con velleità di entrare nella Nato soffiano venti di guerra.

Franco Frattini e Vladimir Putin

“Italia viva non sosterrà candidati che non abbiano un chiaro profilo politico filoatlantico e europeista. Chi ha orecchie per intendere intenda”, dichiara bellicoso Matteo Renzi. Enrico Letta non si esprime direttamente sul caso Frattini, ma lascia che siano i suoi compagni di partito a farlo. Lia Quartapelle, responsabile Affari internazionali e Europa nella Segreteria Pd, scrive sui social che “la scelta del presidente della Repubblica non ha solo ricadute interne. I venti di guerra che soffiano dall’Ucraina ci ricordano che all’Italia serve un o una presidente della Repubblica chiaramente europeista, atlantista, senza ombre di ambiguità nel rapporto con la Russia”.

E anche Filippo Sensi si fa sentire tra i Dem. “In questo contesto internazionale e geopolitico, sto parlando dell’Ucraina, limpido atlantismo ed europeismo nitido sono un pre-requisito non negoziabile nel profilo del prossimo Presidente della Repubblica”, puntualizza l’esponente Pd. “Quello che sta accadendo sul fronte ucraino ci riguarda. – aggiunge Anna Ascani – Non può esserci nessuna ambiguità sulla Russia e questo ci porta a ribadire l’esigenza che il prossimo capo dello Stato abbia un profilo indiscutibilmente europeista e atlantista”.

Posizione di chiusura condivisa dal giornalista Stefano Cappellini, secondo il quale “la rosa dei candidati del centrodestra per il Colle” è formata da “Casellati, la donna che difese Ruby nipote di Mubarak. Pera, il presidente del Senato delle leggi ad personam. Frattini, il presidente più filorusso alla possibile vigilia dell’invasione russa dell’Ucraina”. Critica non condivisa da Guido Crosetto. “Appena esce un nome di centrodestra, parte l’attacco coordinato dei ‘soliti’ che aprono gli schedari e tirano fuori qualunque cosa possa servire per sporcare una persona. – replica su Twitter l’ex parlamentare meloniano – Anche illazioni, letture distorte, palle conclamate. Oggi Frattini è una spia russa e la Casellati amica di Ruby”.

Potrebbe interessarti anche: Frattini candidato ‘zoppo’ al Quirinale per colpa della Russia

Torna su