Smart Working, Tribeke: l’imprenditore che ha creato un modello di business “senza confini”

Lo Smart Working è probabilmente una delle applicazioni più celebri delle nuove tecnologie alla vita “di tutti i giorni”. È notizia di pochi giorni fa, ad esempio, che Eni ha aperto ai suoi 20mila dipendenti la possibilità di lavorare da remoto; in particolare, ad usufruire a pieno di questa possibilità saranno i neo genitori ma, visti i riscontri positivi, la soluzione è stata estesa anche ad alcuni colleghi non neo-genitori. Ma che ne è degli imprenditori? A loro ci hanno pensato Dan Bogiatto e Jenny Perotti. I due, marito e moglie, hanno dato vita a Tribeke, un progetto ma anche un movimento imprenditoriale nato con lo scopo di rendere smart e “senza confini” la vita degli imprenditori che desiderano viaggiare, formarsi in realtà internazionali e non perdere la possibilità di vivere a stretto contatto con la propria famiglia.

Tribeke: portare avanti il proprio business senza confini

Come anticipato, l’idea di Tribeke è nata da Dan Bogiatto e dalla moglie, Jenny Perotti. Imprenditore nominato da eBay super esperto eBay nell’estate del 2007 nonché titolare di una delle più importanti società di formazione in Italia, Bogiatto ha dato vita ad un movimento imprenditoriale che dà la possibilità di viaggiare anche per molti mesi durante l’anno e lavorare al tempo stesso insieme alla propria famiglia, portando avanti il proprio progetto imprenditoriale.

Dan Bogiatto e la sua famiglia

“Noi siamo spesso in viaggio, in giro per il mondo e viviamo insieme ai nostri figli ogni aspetto della nostra vita sia privata che aziendale. E così fanno centinaia di imprenditori che hanno abbracciato il modello di Tribeke e che si ritrovano per molti mesi all’anno in viaggio” – spiegano Dan e Jenny, imprenditori nel campo della formazione da 25 anni. I due hanno inoltre raccontato “Anche le nostre attività di formazione si svolgono in giro per il mondo: ad esempio, possono avvenire nella piazza principale di Marrakech, in Messico, in un parco italiano, consentendo così agli studenti di apprendere facendo, allontanandoci dal metodo di formazione classica”.

smart-working-tribekeCome funziona Tribeke, il movimento per lo smart business

Il movimento vede la luce nei primi giorni del gennaio 2017 dopo un percorso di sette anni in cui i fondatori – Dan Bogiatto e la moglie Jenny Perotti – hanno studiato, messo a punto e affinato un modello di business che dia modo agli imprenditori di vivere dove vogliono, in qualsiasi Paese del mondo, avendo la possibilità di viaggiare per diversi mesi all’anno, facendo esperienza di diverse avventure (come, ad esempio, percorsi di training a 25° e orientering nella foresta amazzonica) e portando avanti la propria attività. Tutto questo senza doversi staccare dalla propria famiglia, unendo quindi la vita privata a quella professionale. Dan Bogiatto, tra le altre cose autore di numerosi best-seller, ha dato quindi vita a questo business con la missione di aiutare le persone a vivere la vita che vogliono, dove vogliono, fornendo le conoscenze per creare una vita e un progetto imprenditoriale libero dai vincoli nazionali.

Tanti gli imprenditori che hanno già preso parte a Tribeke e, tra loro, anche Roberto Dovigo. Imprenditore e amministratore di due società, quando si è avvicinato al movimento Tribeke Dovigo sentiva sulle sue spalle il peso delle incombenze quotidiane e dei problemi che aveva accumulato nella gestione con l’altro socio della società: in breve tempo era passato da una condizione di vita molto agiata ad una condizione ricca di problematiche da risolvere. Grazie al metodo acquisito abbracciando il modello Tribeke e grazie ai viaggi è riuscito a ritrovare la forza e l’entusiasmo per cambiare la sua realtà imprenditoriale. La moglie Francesca, invece, imprenditrice e socia di una società in Sicilia, ha ritrovato la curiosità e la forza di volontà per crescere e migliorare la propria situazione.

CONDIVIDI
Sabina Schiavon
Visionaria per vocazione, blogger in erba per passione, freelance per professione. Milanese per nascita e vercellese d’adozione, si occupa di startup, imprese, Industria 4.0 e di tutti i temi legati all’innovazione. Ama la birra belga e il whisky scozzese, gustati accanto a un gatto che fa le fusa.