People

Chi vincerebbe le comunali a Roma se si votasse oggi? Cosa rivela il sondaggio

La battaglia per il Campidoglio entra sempre più nel vivo, e insieme a lei i sondaggi. E così ora la domanda che rimbalza nella capitale è: chi vincerebbe le elezioni comunali a Roma se si votasse oggi? Secondo l’ultimo sondaggio politico sulle elezioni amministrative Roma 2021 dell’istituto Izi per il quotidiano Domani, al momento – visti i tanti interrogativi sui candidati – ci sono tre scenari possibili. Gli unici al momento ad aver ufficializzato la propria candidatura sono infatti Carlo Calenda e Vittorio Sgarbi. Il nodo è legato al PD che deve ancora decidere se appoggiare il leader di Azione oppure no. Mentre il centrodestra vorrebbe un profilo civico con Guido Bertolaso che è il nome più chiacchierato.

Ma la grande del PD non è solo Calenda. Zingaretti, infatti, potrebbe appoggiare l’ex ministro o puntare su un proprio nome (David Sassoli?), ma non è da escludere anche una convergenza con il Movimento 5 Stelle in caso di un passo indietro da parte di Virginia Raggi, la quale, al momento, resta comunque in pista. Dai numeri, comunque emerge questo: nel “primo scenario”, Virginia Raggi: 20,7 per cento, Carlo Calenda: 20,6 per cento, Guido Bertolaso: 20 per cento, David Sassoli: 16,2 per cento, Vittorio Sgarbi: 10,1 per cento, Altri: 12,4 per cento. Con questo schema, secondo i sondaggi, ci sarebbe un ballottaggio tra Carlo Calenda e Virginia Raggi.

Nel “secondo scenario”: David Sassoli: 27,2 per cento, Guido Bertolaso: 25,1 per cento, Virginia Raggi: 23,0 per cento, Vittorio Sgarbi: 11,4 per cento, Non voto: 13,4 per cento. Con il centrosinistra compatto su Sassoli, ci sarebbe un ballottaggio con Bertolaso che sarebbe davanti a Virginia Raggi. E si arriva infine al “terzo scenario”, dove rientra in ballo Carlo Calenda, che è al momento comunque il nome più caldo.

Dunque, Carlo Calenda: 29,9 per cento, Virginia Raggi: 22,6 per cento, Guido Bertolaso: 22,4 per cento, Vittorio Sgarbi: 10,7 per cento, Altro: 14,3 per cento. Nel terzo e ultimo scenario, con il centrosinistra unito su Calenda, l’ex ministro andrebbe al ballottaggio con la Raggi anche se Bertolaso sarebbe molto vicino alla sindaca, mentre crescerebbe la percentuale degli elettori che voterebbero per un altro candidato.

Ti potrebbe interessare anche: Conte respinge ogni accusa, la sua lettera: “Il governo non è mai andato in vacanza”