Interni

Sondaggi, il caos M5S fa male a Conte: scende la fiducia nell’ex premier

Una stagione, quella ormai imminente, segnata da una grande incertezza, il futuro prossimo meno definito che mai. Con lo strappo Grillo-Conte che ha spiazzato tutti e con i tentativi di riconciliazione, ancora in corso, che non sembrano rassicuranti. Così gli elettori del Movimento Cinque Stelle hanno perso in fretta quell’entusiasmo ritrovato al momento dell’annuncio dell’ex premier come futuro leader del partito. E hanno iniziato a guardare altrove, come dimostrano i sondaggi.

Sondaggi, il caos M5S fa male a Conte: scende la fiducia nell'ex premier

L’ultimo sondaggio realizzato da Demos per l’Atlante Politico di Repubblica certifica infatti le difficoltà dei grillini, in un momento in cui la Lega di Matteo Salvini è sì ancora il primo partito d’Italia, ma ormai tallonata da vicinissimo da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che ha superato il 20% nei gradimenti degli italiani. Poco sotto il Partito Democratico di Enrico Letta, che ha approfittato a sua volta del trend negativo, che dura da diverso tempo, del Carroccio. Molto peggio, invece, vanno le cose in casa pentastellata.

I Cinque Stelle sono accreditati al momento appena sopra il 15%, due punti in meno rispetto a quanto fatto registrare negli ultimi mesi. Con Giuseppe Conte, il leader che forse non sarà più leader, che nel frattempo risente a sua volta della situazione di totale caos che regna nel Movimento: l’ex premier ha ancora un tesoretto di 59 punti nel gradimento dei personaggi politici più apprezzati, ma in calo di 9 rispetto al recente passato.

Accanto a Conte, tra le figure che ispirano più fiducia nei cittadini c’è Luca Zaia, a sua volta a 59 punti, entrambi alle spalle di Mario Draghi che guida la classifica con 77. Seguono il ministro della Salute Roberto Speranza (52), Giorgia Meloni (51) e Paolo Gentiloni (48), con Matteo Salvini indietro a 44 a parimerito con Stefano Bonaccini (44), che molti vedono come futuro leader del Partito Democratico.

Ti potrebbe interessare anche: Dai no-vax a chi ha solo una dose: chi sono i nuovi ricoverati negli ospedali