People

Sopravvissuta al cancro da bambina, oggi Haley realizza il suo sogno di andare nello spazio

Hayley Arceneaux, 29 anni e madre di una bambina, sarà la prima persona guarita dal cancro e con un arto prostetico a prendere parte a una missione spaziale, e la più giovane americana spedita nell’orbita terrestre. L’annuncio è stato dato dalle corsie dell’ospedale oncologico-pediatrico St. Jude di Memphis, in Tennessee, dove Hayley è stata curata a 10 anni, e dove ora lavora come assistente di sala: “È un onore incredibile entrare a far parte dell’equipaggio di Inspiration4 – ha detto Arceneaux -. Questo posto rappresenta la speranza che St. Jude mi ha dato e continua a dare alle famiglie di tutto il mondo, che, come me, trovano speranza quando varcano le porte di St. Jude”. Hayley, che rappresenterà l’ufficiale medico della spedizione, farà parte dell’equipaggio della prima missione spaziale di soli civili, sul Falcon 9 di SpaceX, la compagnia spaziale privata di Elon Musk, che sarà lanciato nell’ultimo trimestre del 2021 dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral.

Hayley sarà anche la prima a lanciarsi con una protesi. Quando aveva 10 anni infatti, ha subito un intervento chirurgico a St. Jude per sostituire il ginocchio e ottenere un’asta in titanio nel suo femore sinistro. Zoppica ancora e soffre occasionalmente di dolori alle gambe, ma SpaceX ha autorizzato il volo. “La mia battaglia contro il cancro mi ha davvero preparato per i viaggi nello spazio – ha detto Arceneaux in un’intervista con The Associated Press -. Mi ha reso duro, e poi penso che mi abbia davvero insegnato ad aspettarmi l’inaspettato e ad andare avanti per il viaggio”.

Hayley vuole mostrare ai suoi giovani pazienti e ad altri sopravvissuti al cancro che “il cielo non è nemmeno più il limite. Significherà così tanto per questi ragazzi vedere un sopravvissuto nello spazio”, ha detto la giovane. Il miliardario Jared Isaacsman, ha annunciato la sua missione spaziale il 1 ° febbraio, impegnandosi a raccogliere 200 milioni di dollari per St. Jude, metà del suo contributo. In qualità di comandante autoproclamato del volo, ha offerto uno dei quattro posti della capsula SpaceX Dragon a St. Jude.

Il razzo farà il giro del globo e poi tornerà a Cape Canaveral, in un tempo stimato di diversi giorni. “Vorrei che la mia impresa aiutasse chi ha il cancro a guardare al futuro – ha detto Arceneaux – quando sei malato non ci pensi mai, resti fermo al giorno per giorno, e invece un futuro c’è”.

Ti potrebbe interessare anche: “I neri come te portano il Covid”: umiliata e costretta a scendere dal treno