Interni

Spallanzani, si aggravano le condizioni dei due turisti cinesi colpiti da coronavirus

La coppia di persone cinesi, marito e moglie, ricoverata all’ospedale Spallanzani di Roma ha visto aggravarsi le proprie condizioni di salute, proprio nelle ore in cui i social esultavano per l’impresa dello staff della struttura capitolina riuscito a isolare il coronavirus che continua a spaventare il mondo. Le condizioni respiratorie dei due, stando alle comunicazioni del personale della struttura, sarebbero infatti peggiorate.

Secondo il bollettino “è stato necessario un supporto respiratorio in terapia intensiva” a causa di una improvvisa crisi respiratoria. I due sessantenni erano arrivati in Italia con un volo su Malpensa e avevano poi fatto un piccolo tour prima di arrivare a Roma all’hotel Palatino. Proprio mentre si trovavano lì al marito è venuta la febbre alta ed è partita tutta la prassi di prevenzione. I due signori cinesi sono i primi pazienti affetti da cornavirus in Italia.
I medici hanno però parlato di un decorso “già segnalato nei casi fino ad ora riportati in letteratura”. Pertanto, hanno spiegato, è stato necessario un supporto respiratorio in terapia intensiva. “I pazienti sono monitorati in maniera continuativa e sono sottoposti a tutte le cure, anche farmacologiche del caso, compresi farmaci antivirali sperimentali. Le attuali condizioni cliniche sono quindi compromesse ma stazionarie, per cui i medici che li hanno in cura si riservano la prognosi”.Allo Spallanzani sono tuttora ricoverati 11 pazienti sintomatici provenienti da zone della Cina interessate dall’epidemia. Tutti sono stati sottoposti al test per la ricerca del nuovo coronavirus. Proprio dopo questo ricovero i virologi si sono messi al lavoro isolando il virus. Intanto altri 26 pazienti sono stati dimessi perché risultati negativi al test.

“Dalla mia citofonata sono spariti gli spacciatori”: ma il web non crede a Salvini