Tecnologia

Stampa 3D: scienziati creano le prime cornee umane

La medicina sperimentale sta investendo molto sulle stampanti biologiche 3D, programmate per distribuire diversi tipi di cellule nelle tre dimensioni così da produrre tessuti e organi. Tecnologie che promettono di rivoluzionare le cure per tantissime malattie, ma anche un nuovo business con un giro di affari stimato in forte crescita nei prossimi 10 anni. Ci sono 10 milioni persone in tutto il mondo che aspettano un trapianto per prevenire la cecità corneale, a causa di malattie come il tracoma, ma purtroppo, c’è una significativa carenza di cornea disponibile per il trapianto. Grandi aspettative vengono riposte nelle stampanti 3D dalla medicina rigenerativa e dall’ingegneria dei tessuti.

La ricerca sta facendo passi da gigante in questa direzione ed ogni mese nuovi studi mostrano promettenti applicazioni. Ad esempio, Scienziati della Newcastle University nel Regno Unito affermano di aver creato le prime cornee umane stampate in 3D. Usando una combinazione delle loro uniche cellule staminali “bioinchiostro” e cornea, possono stampare le cornee in meno di dieci minuti. Se i loro metodi ottengono l’approvazione medica, le cornee stampate in 3D potrebbero essere di grande beneficio per i milioni di persone che hanno bisogno di trapianti di cornea e per coloro che soffrono di problemi alla vista a causa di una lesione corneale.

Le prime cornee umane

I ricercatori dell’Università di Newcastle hanno ideato una tecnica sperimentale innovativa che potrebbe aiutare milioni di persone in lista d’attesa per il trapianto di cornea. Utilizzando una semplice bio-stampante 3D, il professore di ingegneria tissutale Che Connon e il suo team di scienziati sono stati in grado di combinare cellule staminali corneali sane con collagene e alginato (un tipo di zucchero usato talvolta nella rigenerazione dei tessuti) per creare “bio-inchiostro” –Una soluzione stampabile che consentiva loro di riprodurre la forma di una cornea umana in soli 10 minuti.

Leggi anche: Stampa 3d: una rivoluzione nel campo della sanità

La cornea ha un ruolo significativo nell’aiutarci a focalizzare e proteggere i nostri occhi contro sporco e batteri. Tuttavia, poiché si trova sullo strato più esterno dell’occhio, è anche piuttosto vulnerabile alle lesioni. In tutto il mondo, circa 10 milioni di persone rischiano la cecità corneale a causa di disturbi infettivi come il tracoma, ma c’è una carenza di trapianti facilmente disponibili. Poiché le cornee stampate in 3D di Connon utilizzano cellule staminali, le repliche corneali potrebbero potenzialmente fornire un rifornimento senza limiti di trapianti tanto necessari.  

Il nostro gel esclusivo – una combinazione di alginato e collagene – mantiene in vita le cellule staminali mentre produce un materiale abbastanza rigido da reggere la sua forma ma abbastanza morbido da essere schiacciato dall’ugello di una stampante 3D”, ha detto Connon. Prima di stampare le repliche corneali, i ricercatori hanno scannerizzato gli occhi dei pazienti per accertare le dimensioni e le coordinate necessarie. Mentre è probabile che i pazienti debbano aspettare “diversi anni” prima che queste cornee stampate in 3D siano disponibili ufficialmente, rappresentano comunque un’incredibile speranza per le persone con disfunzioni corneali più gravi.

Leggi anche: Stampa 3D, dall’ortopedia al fai da te: applicazioni e nuove frontiere del 3D printing