Vai al contenuto

Strage di Erba, parla Mauro Corona: “Se Olindo e Rosa sono innocenti io ho 18 anni”

strage Erba Mauro Corona

Sta provocando un caos politico e mediatico la decisione della Corte d’Appello di Brescia di ammettere il ricorso di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati in via definitiva all’ergastolo per la strage di Erba, avvenuta l’11 dicembre 2006, in cui vennero uccisi Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini. Unico sopravvissuto di quella mattanza fu Mario Frigerio che, nonostante le gravissime ferite riportate, divenne prima della sua morte uno dei testimoni chiave dell’accusa contro Olindo e Rosa. Sulla vicenda decide ora di esprimersi anche Mauro Corona durante l’ultima puntata di ‘È sempre Cartabianca’.
Leggi anche: Strage di Erba, decisione shock: nuovo processo per Rosa e Olindo
Leggi anche: Mauro Corona, la rivelazione clamorosa su Aurelio De Laurentis: “Mi ha denunciato, ora lascio la tv”

Mauro Corona senza peli sula lingua sulla strage di Erba

L’udienza di revisione della sentenza di condanna di Olindo e Rosa per la strage di Erba si terrà il prossimo 1 marzo. Intanto Mauro Corona si sfoga di fronte a Bianca Berlinguer. “Qui si cerca l’eclatante, se loro sono innocenti io ho 18 anni!”, sentenzia lo scrittore. “Cioè lei è convinto della loro colpevolezza?”, lo incalza però la conduttrice di ‘È sempre Cartabianca’.

“Assolutamente, ma l’hanno anche confessato loro”, tiene però il punto Mauro Corona. “Ah però questo non vuol dire, non vuol dire che…”, prova a contraddirlo la Berlinguer. Ma a quel punto Corona non regge più e ribadisce: “Secondo me sono stati loro. Però riesumare un fatto così tragico e riportarlo all’attualità è sbagliato, perché se questa scelta di riesumare questo fatto e rifare il processo fosse stata taciuta nell’ombra più assoluta e nel silenzio nessuno lo avrebbe fatto. Questa scelta vuole creare visibilità, notorietà a chi si occuperà di questo caso”.
Leggi anche: Strage di Erba, la lettera di Olindo: “Io e Rosa non c’entriamo niente”