Interni

Tav, l’Europa sbotta: ultimatum all’Italia, “pronti a riprenderci i contributi”. Un quadro sempre più confuso

Se non è un ultimatum, poco ci manca. “Non possiamo escludere, se ci sono ritardi prolungati, di dover chiedere all’Italia i contributi già versati” per la Tav, oltre al “rischio che, se i fondi non sono impiegati, possano essere allocati ad altri progetti” europei. Lo ha ricordato un portavoce della Commissione Ue, ribadendo la posizione sulle incertezze che gravano sulla realizzazione della Torino-Lione. “La attuale analisi costi-benefici” su cui lavora il governo italiano “non è stata richiesta dalla Commissione”, ricordando che già era stata presentata nel 2015.

Come spiega La Repubblica, per la Tav sono stati approvati cofinanziamenti per 813,8 mln di euro. Se i ritardi dell’opera, che già ci sono a causa del blocco dei cantieri, si protrarranno, c’è il rischio che i fondi che non si riesce ad impiegare in Italia vengano riallocati ad altri progetti della rete Ten-T, fuori dal nostro Paese. Il Grant Agreement, l’accordo di finanziamento, può anche essere rivisto, ma occorre che il governo prenda una decisione: a giugno ci sarà una valutazione di tutti i progetti Cef (Connecting Europe Facility) e, se l’Italia non vuole perdere i fondi, è necessario che una decisione venga prima di quella scadenza.
Il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, ha risposto spiegando, come già diverse volte in passato, che tra poco l’analisi costi-benefici sarà resa pubblica: “L’analisi costi-benefici su #Tav – ha scritto su Twitter – è stata decisa da un Governo sovrano che vuole spendere al meglio i fondi pubblici. Ue stia tranquilla, tra pochi giorni avrà, come da accordi, tutta la documentazione”.La grana della Torino – Lione in questi giorni divide il governo da un lato Matteo Salvini e la Lega, fermamente convinti della necessità di portare a completamento l’opera e vicini alle proteste degli industriali del nord, e i Cinque Stelle, che forti della analisi costi benefici fatta fare dal ministro Danilo Toninelli vogliono invece fermarne la costruzione.

“Basta strumentalizzazioni”. Salvini cambia ancora “divisa”, ma stavolta per lui non finisce bene