Lifestyle

Tecnologia e salute: Avro startup innovativa

Più di 25 milioni di bambini in tutto il Nord America soffrono di qualche forma di allergie stagionali. Eppure un bambino su quattro soffre di incapacità di ingoiare pillole per essere medicato. Avro Life Science ritiene che possa essere d’aiuto, offrendo adesivi medicati per somministrare farmaci antiallergici stagionali ai bambini. Avro ha ora uno show di supporto dalla Dyson Foundation, vincendo il National Runners Up per il James Dyson Award.

Con uno slogan senza pillole, senza dolore, solo un cerotto, Avro Life Science mira a fornire farmaci a un ritmo costante per tutto il giorno senza effetti collaterali, il tutto con adesivi che hanno disegni divertenti che attirano i bambini. Nel 2016, il team ha iniziato a lavorare fuori dal laboratorio del campus Velocity Science, una partnership con la Facoltà di Scienze dell’Università di Waterloo, prima di vincere $ 25.000 in finanziamenti alle Velocity Fund Finals in autunno, e ora lavora fuori dal Velocity Garage incubatore di startup.

Lanciato dai co-fondatori Keean Sarani, uno studente laureato in scienze e attualmente in farmacia, e Shak Lakhani, uno studente di ingegneria delle nanotecnologie, entrambi dell’Università di Waterloo, Avro, startup di scienze della vita nell’attuale gruppo di Y Combinator, sta scommettendo su un metodo per somministrare farmaci a popolazioni incapaci di deglutire o masticare – li somministrerà attraverso la pelle.

startup-avro-medicina

Leggi anche: Medicina del futuro: QR cod commestibile

Come funziona la startup Avro

A partire dai farmaci per l’allergia, l’azienda sta sviluppando patch per la pelle che rilasciano farmaci comunemente usati nelle allergie stagionali per i bambini. I cerotti agiscono molto come i cerotti alla nicotina, che forniscono la nicotina a coloro che cercano di smettere di fumare, ma possono fornire una varietà di farmaci, come i farmaci per l’allergia, attraverso l’organo più grande del nostro corpo.

Il co-fondatore Shakir Lakhani, che soffre di allergie stagionali e alimentari, dice a TechCrunch che voleva iniziare con un allergia non solo per motivi personali, ma perché è un’area in cui i bambini sono resistenti a prendere i farmaci già in commercio.

Inoltre, non è la prima azienda ad offrire la somministrazione transdermica di farmaci. La società farmaceutica di Miami ProSolus crea cerotti per la consegna di vari farmaci generici e prodotti da banco, la confezione di Fremont Zosano, produce cerotti transdermici speciali per la consegna di medicinali per ridurre l’emicrania e  Viaskin produce un cerotto per bambini con allergie alle arachidi – sebbene le prove cliniche finora non sono andate bene.

Quando partirà la distribuzione di Avro

Queste aziende potrebbero facilmente iniziare a offrire gli stessi tipi di patch di Avro, qualora l’avvio dimostrasse la necessità del mercato. Un vantaggio è che i farmaci che Avro vuole utilizzare nelle sue patch sono già disponibili – non avrebbe bisogno di dimostrare che funzionano. Devono solo dimostrare che il metodo di consegna è sicuro ed efficace.

Ma l’avvio ha una lunga strada da percorrere prima di portare queste patch nelle mani dei consumatori. Innanzitutto, Avro avrà bisogno dell’approvazione della FDA per vendere negli Stati Uniti e in Canada, dove la società prevede di commercializzare le sue patch. Per arrivarci, dovrà condurre alcune prove cliniche sull’uomo, che Lakhani dice di essere in procinto di esaminare al momento, ma crede che sarà in grado di farlo funzionare nel terzo trimestre di quest’anno.

Lakhani ha anche accennato al fatto che i cerotti sulla pelle potrebbero eventualmente offrire altri tipi di medicinali. “Stiamo guardando cose come persone che soffrono di malattie neurodegenerative e malattie più intense che inibiscono la capacità di deglutire, come la sclerosi multipla”, ha detto a TechCrunch. “Penso che quelle saranno davvero delle strade interessanti per noi per andare giù nel futuro e stiamo solo iniziando ad avviare conversazioni con altre aziende che potrebbero essere dei buoni partner per noi”.

startup-avro-medicina

Leggi anche: Tecnologia e sanità: cellule staminali placentari, nasce la startup Celularity

Innovazione tecnologica nella medicina

L’innovazione tecnologica può essere definita come l’attività deliberata delle imprese e delle istituzioni tesa a introdurre nuovi prodotti e nuovi servizi, nonché nuovi metodi per produrli, distribuirli e usarli. Condizione necessaria per l’innovazione è che essa venga accettata dagli utilizzatori, siano essi i clienti che acquistano il nuovo bene o servizio sul mercato, o i fruitori di un servizio pubblico.

La fusione tra medicina e tecnologia è un processo che si è andato progressivamente strutturando in modo sistematico a partire dalla seconda metà del Novecento nel tentativo di spiegare unitariamente la complessa realtà del mondo vivente, con la finalità di manipolare e trasformare “positivamente” l’esistenza degli individui così da arrivare all’ambizioso obiettivo di curare nel modo più efficace possibile le loro condizioni patologiche.

Questa realtà è diventata parte integrante della nostra vita quotidiana. Nel corso di questo processo le scienze della vita si sono trasformate in una mastodontica biotecnoscienza, in cui i confini tra scienza, tecnologia, università, imprese biotecnologiche sono sfumati. Questi rapidi cambiamenti tecnologici nel settore sanitario sono la realtà presente che qualcosa sta cambiando e cogliere le prospettive future ci aprirà la strada a nuove tecnologie per la vita e per la salute.

Leggi anche: Diagnosi mediche e super-computer: ecco come Watson ha rivoluzionato il mondo della medicina