Interni

Travaglio, quell’attacco a Giorgio Gori che non è piaciuto proprio a nessuno

Parole che hanno fatto discutere quelle di Marco Travaglio, che ha dedicato un editoriale al veleno al sindaco di Bergamo attraverso le pagine del Fatto Quotidiano. Che ha titolato, senza troppi giri di parole, “Giorgio Covid”, scatenando la reazione del Pd: “L’attacco che oggi il direttore del Fatto Quotidiano riserva a Giorgio Gori è letteralmente vergognoso, a partire dal titolo ‘Giorgio Covid'”.

“Solidarietà, prima che all’amico, al sindaco di una città martire” è stata la replica del capogruppo Pd in Senato Andrea Marcucci. Travaglio ha contestato al sindaco di Bergamo la sua ‘scarsa’ reazione dopo la dichiarazione in Senato di Matteo Renzi che disse: ‘I morti di Brescia e di Bergamo, se avessero potuto parlare, ci avrebbero detto di ripartire e farlo per loro'”.
Il capogruppo non è stato l’unico nel Partito Democratico a prendere le parti del primo cittadino di Bergamo: “Giorgio Gori è un sindaco che sta dando anima e corpo alla nostra città e questo i bergamaschi lo vedono bene. Non si è mai risparmiato, tanto più in questi difficilissimi mesi di emergenza sanitaria. Bisognerebbe sempre avere rispetto delle persone, le parole di Travaglio di oggi sono lunari oltre che offensive”, ha infatti detto il deputato Pd Maurizio Martina all’uscita di Montecitorio. 
Parole dure anche da Alessandro Alfieri, senatore Pd e coordinatore nazionale di Base Riformista: “Gli attacchi scomposti e volgari contro Giorgio Gori da parte di Marco Travaglio sono altrettante medaglie per Giorgio Gori”, afferma il senatore, che continua: “Usare il percorso professionale e familiare di Gori per attaccare le sue posizioni politiche è un metodo barbaro, che appartiene al populismo peggiore e più incivile. Oltre ad essere un ottimo amministratore, che ha affrontato con equilibrio e prontezza la tragedia che il Covid ha portato nella sua città, Gori è un dirigente autorevole del nostro partito e i suoi contributi alla discussione della nostra comunità politica meritano rispetto” ha concluso.

L’Open Innovation e la formazione dei giovani manager del futuro: al via la nuova cattedra tematica alla Luiss Guido Carli di Roma, in partnership con il gruppo Maire Tecnimont