Mass Media

Travaglio accusa Di Maio: “Ha un mandato preciso, restare nel M5S per affossarli”

Scontro su Luigi Di Maio durante l’ultima puntata di Otto e mezzo. A confrontarsi nello studio di La7, di fronte a Lilli Gruber, sono il direttore de La Stampa, Massimo Giannini, e quello del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio. Giannini prova a difendere la scelta del ministro degli Esteri di schierarsi dalla parte del governo Draghi sulla questione ucraina, a costo di rischiare l’espulsione dal Movimento. Travaglio ovviamente è di tutt’altro avviso.

Marco Travaglio contro Luigi Di Maio

“Se un bibitaro è entrato nella stanza dei bottoni…”, riflette ad alta voce Massimo Giannini cercando di difendere Di Maio. “Ora è garante delle élite? È diventato classe dirigente, con pragmatismo. – prosegue il direttore de La Stampa – Non bisogna ridicolizzare certe esperienze. Ma ora lui ha imparato come si sta al mondo e ha assunto posizioni coerenti con il suo incarico”, anche se molte di queste non sono coerenti con quelle sostenute dal M5S.

A quel punto interviene lo storico Lucio Caracciolo, anche lui ospite di Otto e mezzo, il quale precisa che “un Paese in cui un bibitaro può diventare ministro, è un Paese che ha ancora qualcosa da insegnare”. Una tesi che non trova del tutto d’accordo Travaglio. Il direttore del Fatto è convinto infatti che Di Maio stia agendo “su mandato” allo scopo di destabilizzare il Movimento. Ma quando la conduttrice gli chiede “su mandato di chi?”, lui si schermisce.

“Bisognerebbe chiederlo a lui. – replica così Marco Travaglio dopo qualche secondo di esitazione – Una persona così a disagio da mesi in un movimento di cui con condivide nulla e che si espone agli insulti della base  non si spiega. Di Maio diceva di superare la Nato e uscire dall’Euro. Lui ha un mandato preciso, rimanere all’interno del M5S il più possibile per cercare di affossarli e consentire ai media di parlare solo delle divisioni interne e non dei programmi”, conferma le sue accuse il giornalista.

Potrebbe interessarti anche: Paragone attacca Travaglio: “Burattinaio del M5S insieme a Casalino”

Torna su