People

Trivulzio, operatrice rivela: “Minacciavano di licenziarci se portavamo la mascherina”

Un’operatrice socio sanitaria del Pio Albergo Trivulzio, la casa di cura milanese al centro di un’inchiesta giudiziaria perché non avrebbe garantito al personale e agli ospiti condizioni di sicurezza e strumenti per prevenire il contagio del Covid_19, racconta all’Agi la sua esperienza choc. Preferisce mantenere l’anonimato “ma al momento giusto – assicura – uscirò allo scoperto e non avrò problemi a testimoniare”. E rivela: “Il 23 febbraio è stato il mio ultimo giorno al Pio Albergo Trivulzio. Sono stata cacciata perché mi sono rifiutata di togliere la mascherina che, secondo una dirigente, allarmava i pazienti”.

Quel 23 febbraio, spiega, “avevo, come da molti giorni, una forte tosse e la febbre. Al mattino, un’infermiera mi ha consigliato di indossare una mascherina, visto che da poco si era venuti a conoscenza del primo caso di coronavirus. Ho fatto come mi ha detto. Poi, ho incontrato la ragazza che fa le pulizie, anche lei aveva la tosse e lo ho suggerito di mettersi la mascherina. Lei lo ha fatto, poi, verso mezzogiorno, è venuta da me e mi ha riferito di toglierla perché era stata sgridata e minacciata di licenziamento se l’avesse tenuta”.

L’operatrice ha deciso però di non levarla “perché dovevo dare la frutta ai malati e avrei rischiato di contaminare il cibo coi dei colpi di tosse. Verso le 12 e 30, mentre stavo dando da mangiare ai pazienti, è arrivata una dirigente che mi ha invitato a togliere la mascherina perché stavo suscitando allarme ingiustificato negli ospiti. Ho fatto presente che io avevo la tosse. Davanti a più testimoni lei mi ha detto: ‘Si tolga il grembiule e se ne vada’. Allora mi sono slacciata il grembiule e l’ho invitata a uscire perché non mi andava di continuare a parlare davanti ad altre persone”.

Fuori, stando alla ricostruzione della donna, “la dirigente mi ha chiesto nome e cognome, aggiungendo che avrebbe avvertito il direttore generale di quanto successo. Ho risposto che poteva dirlo a chiunque, io non ho fatto male a nessuno, ho detto, anzi ho cercato di tutelare la salute dei pazienti. Poi, mi ha invitata a chiamare l’Ats e a chiedere un tampone”. Da allora l’operatrice sanitaria è in malattia, anche se il tampone poi non l’è mai stato fatto. “Le mie colleghe ancora lì mi raccontano che ci sono 5 stanze di pazienti in isolamento, con la febbre, e che un medico e una caposala sono in ospedale e stanno molto male”.

“A differenza di quello che dice la dirigenza, le mascherine sono state fornite alle mie colleghe solo a metà marzo, non prima. Come avremmo potuto proteggere i pazienti senza dispositivi? È come se li avessimo uccisi, solo noi potevano portare il contagio da fuori”.

 

Ti potrebbe interessare anche: In casa non c’è campo, Giulio fa un chilometro al giorno per non perdere le lezioni online