Lifestyle

Tutti i numeri di Pitti. Al via la 93esima edizione

Pitti Immagine non è solo un appuntamento fashion per coloro che amano la moda. Pitti è raffinatezza, rappresenta l’alta qualità in esposizione, mostra eccentricità ed eleganza che sfilano nel contesto più rinascimentale d’Italia.

Dal 9 al 12 gennaio 2018 verrà inaugurata la sezione Uomo, che sarà successivamente seguita da Bimbo e da Filati, per poi proseguire con le sezioni Taste, Modaprima e Fragranze.

Durante l’evento, la città di Firenze si trasforma nella capitale mondiale della moda e, grazie alle numerose date prefissate durante i vari mesi dell’anno, guadagna non solo in visibilità, ma soprattutto in ricavi. Vi siete mai chiesti quale indottola manifestazione porta  al capoluogo toscano?

Pitti-uomoLeggi anche: Moda cheap, lo sbarco di Amazon nel settore potrebbe preludere ad una vera guerra commerciale

Senza dubbio, Pitti Immagine incarna un mezzo impareggiabile per la creazione di valore nel bilancio economico di Firenze e provincia. Stando ai dati registrati proprio dalla città in cui si svolge, l’indotto è decisamente importante e vale tutta la preparazione che c’è dietro.
Nel 2016 il ricavato economico è stato pari a 392, 2 milioni di euro, cifra che comprende la spesa diretta su tutta la provincia di Firenze, di circa 291 milioni e, poi quelle contestuali e indirette, circa 173 milioni. La fiera può contare su 3.850 stand, 32.400 espositori e un afflusso turistico pari a 90mila visitatori totali.

Per questa 93esima edizione, tutta incentrata sulla moda e sul cinema, si attendono 24mila compratori internazionali da oltre 100 paesi. La fiera fiorentina ospiterà 1243 marchi, quasi la metà (circa il 45%) sono stranieri.

Infatti i paesi esteri che partecipano alla manifestazione si dichiarano sempre più soddisfatti della loro presenza, tanto da crescere ogni anno per circa due punti percentuali. Ciò è fondamentale in quanto le esportazioni giocano un ruolo decisivo. L’export segna +3%, e registra un aumento particolare verso gli stati di Germania e Spagna. Segnali positivi sono stati condotti anche verso i nuovi mercati emergenti di Russia e Cina, ma la fiera ha deciso di investire in particolare nel mercato statunitense, dato come l’unico in discesa.

Leggi anche: Il lusso ecosostenibile di Livia Firth

I dati hanno inoltre confermato un 2017 da record per Pitti: + 6% nelle vendite estere. Staremo a vedere cosa suderà quest’anno, non solo per quanto riguarda i buyers, ma anche dal punto di vista delle presenze in fiera. Attesi circa 400mila pernottamenti destinati esclusivamente all’evento.

Pitti Immagine, ha dichiarato qualche mese fa il nuovo presidente Marenzi: “Non è più solo una fiera ma una piattaforma in cui prodotto, eventi e comunicazione si fondono, un appuntamento in grado di far crescere le aziende già strutturate, ma anche di dare linfa a quelle piccole”.

Leggi anche: I cinesi non comprano più beni di lusso in Europa: ecco perchè
Pitti-uomo