Esteri

Ucraina, Mattarella condanna la Russia: “Aggressione inaccettabile”

Sergio Mattarella torna a condannare fermamente la guerra scatenata dalla Russia di Vladimir Putin contro l’Ucraina. E lo fa utilizzando parole durissime per definire quanto sta accadendo una “aggressione inaccettabile”. Mattarella fa sentire la sua voce attraverso un messaggio inviato al presidente di Acri, Francesco Profumo, in occasione del XXV congresso dell’associazione, che si apre questa mattina a Cagliari.

Mattarella condanna la Russia

“La lotta alle diseguaglianze deve essere asse portante delle politiche pubbliche. – scrive Sergio Mattarella – E, insieme, quale compito della Repubblica, responsabilità dell’intera società. Saluto, con particolare intensità, la scelta di porre al centro del congresso di Acri il tema delle disuguaglianze, che si sono particolarmente accentuate durante la pandemia”, premette il presidente della Repubblica.

“Esprimendo nel contempo apprezzamento per l’impegno dispiegato in questi anni nell’affrontare le numerose criticità che si sono manifestate, a livello territoriale, sociale, generazionale, di crisi internazionale. Come nel caso delle migrazioni e ora delle conseguenze dell’inaccettabile aggressione all’Ucraina da parte della Federazione russa”, prosegue così il messaggio di Mattarella.

L’inquilino del Quirinale ricorda anche che “la Costituzione afferma all’articolo 3 che tutti i cittadini hanno pari dignità sociale. Aggiungendo che è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione all’organizzazione del Paese”. Insomma, una nuova condanna della Russia che va a dare forza alla posizione assunta dal governo italiano di Mario Draghi. Non si esclude più, infatti, la possibilità di attuare un embargo totale sulle importazioni di gas e petrolio russi, in accordo naturalmente con gli altri partner europei.

Potrebbe interessarti anche: Ucraina, Mattarella condanna la Russia: “Ingiustificabile aggressione”

Torna su